Viviana morta e il piccolo Gioele scomparso, il pm: «Chi ha visto qualcosa parli». Inchiesta per omicidio e sequestro

video
«Chiunque abbia visto qualcosa utile alle indagini parli». Lo ha detto il procuratore di Patti, Angelo Cavallo, titolare dell'inchiesta per omicidio e sequestro di persona sulla morte della dj Viviana Parisi e sulla scomparsa del figlio di 4 anni Gioele. L'appello ha in particolare due destinatari cioè le persone che hanno riferito a gente sul posto di avere visto una donna con un bambino scavalcare il guard rail. «Hanno fatto un'opera meritoria a fermarsi, per vedere se qualcuno avesse bisogno di essere soccorso - ha sottolineato Cavallo - adesso parlino con noi perché non sappiamo chi sono. È strano che nonostante il clamore mediatico non si siano ancora presentati o non ci abbiano contattati. Questa testimonianza è importante - ha spiegato il procuratore - per chiarire una volta per tutte se Gioele era con la madre o no».

Leggi anche > Viviana morta, la zia di Gioele: «Nel referto medico le sue manie di persecuzione, diceva di essere pedinata»​

Sono omicidio volontario e sequestro di persona i reati per cui la Procura di Patti ha aperto un'inchiesta sulla morte della dj Viviana Parisi e sulla scomparsa del figlio di 4 anni della donna, Gioele. Un tecnicismo che consente di avere maggiore margini di manovra nelle indagini. Tant'è che al momento non ci sono indagati, perché il fascicolo è a carico di ignoti. Per la Procura di Patti, infatti, tutte le piste sono aperte e non ci sono al momento ipotesi privilegiate. Un contributo alle indagini potrà arrivare anche dall'autopsia che sarà eseguita nel primo pomeriggio nell'obitorio dell'ospedale Papardo di Messina.
Ultimo aggiornamento: Martedì 11 Agosto 2020, 14:39
© RIPRODUZIONE RISERVATA