Incidente di Cuneo, il racconto choc dei soccorritori: «Una mamma era abbracciata al figlio morto. Una ragazza urlava "è mio fratello"»

Incidente di Cuneo, il racconto choc dei soccorritori: «Una mamma era abbracciata al figlio morto. Una ragazza urlava "è mio fratello"»

Una tragedia straziante quella dei 5 ragazzi morti nell'incidente sulle montagne in provincia di Cuneo. Ora emerge il racconto choc di uno dei vigili del fuoco intervenuti sul posto per i soccorsi. «Quando sono arrivato su, poco dopo mezzanotte, ho visto una donna abbracciata a uno dei ragazzini morti. È rimasta così tutto il tempo. Non diceva niente, lo teneva solo stretto stretto. Accanto a lei c’era il padre, muto». Claudio Tosello ha 53 anni ed è un saf, un esperto vigile del fuoco del nucleo speleo alpino fluviale. L’altra notte è partito assieme ad altri cinque per andare in Valle Grana a soccorrere i ragazzi finiti nella scarpata col Defender. Il racconto choc è rivelato da Il Corriere della Sera. «Poi c'era una ragazzina che continuava a urlare "è mio fratello"», continua nel suo tragico racconto il vigile del fuoco Tosello.

Spaventoso frontale tra moto: due morti sulla strade del mare
 
 

L'INCIDENTE
Auto fuori strada in montagna nel Cuneese: morti 5 ragazzi. Tragico incidente a Castelmagno, in alta Valle Grana, nelle Alpi Cozie meridionali della provincia di Cuneo. In prossimità del rifugio Maraman, lungo la strada per monte Crocette, un Land Rover Defender 130 è uscito di strada, forse per una manovra sbagliata o per una distrazione. È quella è una strada che non perdona. Il Colle della Fauniera, percorso mitico per il ciclismo - sono i tornanti dedicati a Pantani di cui c'è pure il monumento - è delle 20 salite più dure d'Italia: è stretta e non ci sono quasi protezioni. Due auto passano a malapena.

Cinque le vittime accertate, tutte della provincia di Cuneo, dai Vigili del fuoco, sul posto con Carabinieri, 118 e Soccorso alpino. Con il conducente di 24 anni sono morti altri quattro giovanissimi tra gli 11 e i 16 anni. Quattro i feriti, due in gravi condizioni, anche loro giovani. Morti sul colpo Marco Appendino di 24 anni di Savigliano (Cn), che era alla guida del Defender, i fratelli Nicolò ed Elia Martini di 17 e 14 anni di San Sebastiano di Fossano (Cn), Camilla Bessone (16 anni) e Samuele Gribaudo (14), residenti a San Benigno di Cuneo. Feriti non gravemente gli amici Chiara (17) di Morozzo e Anna (17) di San Benigno e sorella di Samuele: sono stati dimessi alle 13. Sono invece gravi le condizioni dell'altro maggiorenne Marco (24) di Savigliano (Cn), e Danilo (17) di Verzuolo, sempre in provincia di Cuneo. Il primo è stato elitrasportato al Cto di Torino, il secondo è ricoverato in codice rosso all’ospedale Santa Croce di Cuneo.

Ultimo aggiornamento: Venerdì 14 Agosto 2020, 14:45
© RIPRODUZIONE RISERVATA