Pfizer nel mirino della Guardia di Finanza: «In corso verifica fiscale». Cosa sta succedendo

L'indagine, riporta l'agenzia Bloomberg, è relativa agli anni 2017, 2018 e 2019, quindi prima della pandemia del Covid

Pfizer nel mirino della Guardia di Finanza: «In corso verifica fiscale». Cosa sta succedendo

Pfizer Italia nel mirino delle autorità italiane. Secondo quanto appreso dall'agenzia Ansa, la Guardia di Finanza in collaborazione con l'Agenzia delle Entrate ha avviato una verifica fiscale che è ancora in corso. Si tratta di un'attività amministrativa, il cui esito non è ancora definito.

Covid, la pandemia non è ancora finita. «Nuova ondata a novembre con sottovarianti di Omicron»

Secondo indiscrezioni riportate dall'agenzia Bloomberg, Pfizer avrebbe trasferito 1,2 miliardi di euro di profitti a divisioni in altri paesi per evitare di pagare le tasse sugli utili. Non c'è ancora verbale di accertamento e alla parte non è ancora stato notificato nulla. Le verifiche proseguiranno nei prossimo giorni. 

L'indagine sugli anni pre-Covid

L'indagine, riporta l'agenzia Bloomberg, è relativa agli anni 2017, 2018 e 2019, quindi prima della pandemia del Covid. «Le autorità italiane di routine» effettuano controlli e « Pfizer coopera», afferma la portavoce di Pfizer Pam Eisele con Bloomberg. « Pfizer rispetta le norme fiscali e i requisiti dell'Italia», aggiunge Eisele. L'agenzia riporta che Pfizer Italia avrebbe trasferito 1,2 miliardi di euro alle divisioni affiliate a Pfizer Production e Pfizer Manifacturing negli Stati Uniti e in Olanda per evitare le tasse sui profitti.


Ultimo aggiornamento: Giovedì 27 Ottobre 2022, 08:57
© RIPRODUZIONE RISERVATA