Omicron, Richeldi (Gemelli) ottimista: «I casi aumentano, ma sembra meno dannosa»

Omicron, Richeldi (Gemelli) ottimista: «I casi aumentano, ma sembra meno dannosa»

La curva epidemica in Italia «è in costante aumento, fortunatamente ancora lineare e non esponenziale, però abbiamo dalla nostra strumenti di difesa, lo scorso anno impensabili. Il pericolo vero è costituto dalle varianti. Omicron per il momento non sembra essere drammaticamente più letale». Lo dice in un'intervista al Corriere della Sera Luca Richeldi, professore ordinario di malattie respiratorie al policlinico Gemelli.

 

Leggi anche > Treviso è la provincia più colpita: oltre 1.500 contagi al giorno

 

«Oggi possiamo utilizzare gli anticorpi monoclonali con varie combinazioni, almeno alcuni efficaci anche contro le varianti. Si è visto che un certo numero di mutazioni non dovrebbero modificare sostanzialmente la loro efficacia. Sui vaccini c'è poco da aggiungere. Sono il primo e più solido baluardo contro la pandemia. Chi non l'ha ancora capito, si convinca e venga a fare la prima dose presto» aggiunge.

 

Leggi anche > Covid, grave una bambina di sei mesi: intubata in rianimazione

 

"A Natale proteggiamo i fragili"

 

Per il Natale «proteggiamo i fragili, pensiamo alle persone anziane e ai malati cronici, anche se hanno ricevuto tre dosi. Se stiamo vicini a loro, più a lungo indossiamo la mascherina meglio è. Però non priviamoci e non priviamoli dell'affetto che quest' anno possiamo esprimere, grazie ai vaccini». La variante Omicron «si trasmette sicuramente con maggiore facilità, ma pare meno dannosa. Dati sperimentali indicano che ha più facilità nel penetrare nelle vie aeree superiori, risparmiando però quelle inferiori, cioè i polmoni - spiega -. Ecco perché potrebbe causare forme di polmonite in genere non gravi».

 

Tra gli aspetti su cui migliorare, «C'è ancora molto da lavorare sull'assistenza domiciliare: i pazienti possono essere curati a casa in sicurezza, senza gravare sugli ospedali. Inoltre siamo indietro nell'azione di sequenziamento dei genomi del virus, necessaria per controllare la circolazione di varianti». Secondo la rete italiana, «la presenza di Omicron è inferiore all'1%. Ricordiamo che con tre dosi sviluppiamo livelli di protezione molto alta». 


Ultimo aggiornamento: Domenica 19 Dicembre 2021, 16:25
© RIPRODUZIONE RISERVATA