Neonata di 40 giorni morta a Taranto, aveva dormito nel letto con i genitori. Indagati il padre e la madre

La bambina è stata trovata priva di sensi al mattino dalla mamma e dal papà, nonostante il tempestivo arrivo dei soccorsi per lei non c'è stato nulla da fare. Ora è stata disposta un'autopsia per chiarire le cause del decesso

Neonata di 40 giorni morta a Taranto, aveva dormito nel letto con i genitori. Indagati il padre e la madre

Trovata priva di sensi dopo aver trascorso la notte nel lettone. Una neonata di appena 40 giorni di vita è morta a Taranto dopo aver subito un arresto cardiocircolatorio per motivi che sono ancora da chiarire. La mamma e il papà della piccola hanno immediatamente chiamato i soccorsi vedendo che la bimba non rispondeva agli stimoli, ma purtroppo per lei non c'è stato nulla da fare.

Leggi anche > Bambino di due anni sbranato vivo da un Rottweiler davanti alla madre: «Ci stava giocando, poi è stato aggredito»

Leggi anche > Nasce prematura con un tumore che è il doppio del suo peso, l'incredibile intervento per salvare la vita alla neonata

La neonata è stata trasportata al pronto soccorso dell'ospedale Santissima Annunziata di Taranto, ma quando ci è arrivata era già morta. Tra le prime ipotesi di quella che sembra una morte bianca c'è il soffocamento dovuto ai muchi, ma anche il fatto che avesse dormito nel lettone. Nei prossimi giorni si terrà l'autopsia che chiarirà le cause del decesso, importante per escludere ragioni diverse da quelle naturali, come una patologia congenita non conosciuta o un rigurgito che potrebbe averla soffocata. 

Ad un primo esame sul corpicino, comunque, la neonata non presentava segni di violenza. Sono stati notificati gli avvisi di garanzia al padre e alla madre della bambina, indagati con l’ipotesi di reato di omicidio colposo. Si tratta di un atto dovuto, a garanzia dell’indagine e in vista dell’esame autoptico sul corpo della bimba, per dare la possibilità alla famiglia di nominare eventuali consulenti di parte. Sono stati sequestrati anche alcuni oggetti dalla polizia e sul caso verranno anche ascoltati i sanitari che hanno preso parte al soccorso. 


Ultimo aggiornamento: Giovedì 10 Novembre 2022, 13:55
© RIPRODUZIONE RISERVATA