Nadia Toffa, Calabresi: «L'ultimo messaggio me lo ha scritto a maggio, poi era diventato difficile. Gli haters? Ci soffriva»
di Alessia Strinati

Nadia Toffa, Calabresi: «L'ultimo messaggio me lo ha scritto a maggio, poi era diventato difficile. Gli haters? Ci soffriva»

Paolo Calabresi ricorda Nadia Toffa. Diversi amici e colleghi del mondo dello spettacolo l'hanno salutata sui social con alcune dediche, tra loro non poteva mancate Calabresi, al suo fianco dal 2009 nella redazione de Le Iene. Nadia non ha mai smesso di sorridere nonostante la malattia, è sempre restata in lei la grande voglia di vivere che la contraddistingueva.

Nadia Toffa, i funerali in diretta oggi al Duomo di Brescia. Tv e streaming dalle 10.30
Nadia Toffa, la dedica di Jovanotti all'amica: «Bella». E a Policoro scatta l'applauso
Nadia Toffa, l'ultimo saluto della famiglia sul suo account Instagram: « Già un angelo in vita, ora sei libera e serena»

In un'intervista al Corriere della Sera Calabresi precisa: «È arrivata come se ne è andata, con un grande sorriso e una grande energia. Li ha portati in redazione, regalando a tutti tanta allegria». Non è mai stato un problema per Nadia lavorare in una redazione principalmente maschile, non si tirava indietro su nulla, ma anche se non lo dava a vedere i commenti negativi sul web la ferivano: «Aveva una tendenza particolare alla dimensione social, da cui è arrivata anche qualche cattiveria. Ne soffriva e non riusciva ad accettarlo».

Nadia non si è mai fatta nessun problema a parlare della sua malattia, ha voluto condividere sui social ogni step per far sentire meno solo chi come lei combatteva questa dura lotta. Pur accettando la malattia non voleva sentirsi "diversa", spiega Calabresi: «Io le ripetevo che stava molto meglio con le parrucche che con i suoi capelli. Ridevamo quando dovevamo imparare i nostri balletti. Era venuta in radio da me a presentare la sua canzone, Diamante Briciola: le dicevo che era di una bruttezza senza precedenti e lei ne era consapevole, poi off line abbiamo riso parecchio».

Nadia viene ricordata dal collega come una donna molto attiva sul lavoro, amava quello che faceva e ci metteva molta passione. Nell'ultimo periodo si era aggravata molto, l'ultimo messaggio al suo amico lo aveva inviato a maggio: «A fine maggio, poi ci siamo scritti ma dopo poco era diventato difficile. L’ultima cosa che mi ha scritto è stata never give up».
Mercoledì 14 Agosto 2019, 13:34
© RIPRODUZIONE RISERVATA