Marjus ed Edi, i due giovani albanesi a lavoro estratti dalle macerie davanti ai familiari

Marjus ed Edi, i due giovani albanesi a lavoro estratti dalle macerie davanti ai familiari

Ci sono anche due ragazzi albanesi tra le vittime del crollo del Ponte Morandi a Genova. Sono stati identificati come Marjus Djerri, 22 anni, originario di Shijaku e Edi Bokrina, 30 anni, di Shkodra. I due stavano andando a lavorare insieme su un furgone Qubo della EuroPulizia quando il viadotto è precipitato nel vuoto. I corpi sono stati estratti dalle macerie davanti alla famiglia di uno dei due. 

Elisa Bozzo, morta a 34 anni. Gli amici la cercavano su Facebook
Andrea morto a Genova. Portuale Culmv, papà e tifoso del Genoa 
Mirko Vicini e Bruno Casagrande, operai travolti dal pilone del ponte
Marta Danisi e Alberto Fanfani, la coppia di fidanzati morta a Genova


Il 22enne Marjus Djerri giocava anche come attaccante nella squadra di calcio ligure di Cornigliano Galaticos. In tre anni di attività ha segnato circa 80 gol in serie C. 
Entrambi giovanissimi, vivevano e lavoravano a Genova e come tanti altri coetanei emigrati coltivavano i loro sogni lontano dalla loro terra d'origine. 


I due si aggiungono alle vittime accertate dopo il crollo del viadotto. Molti, tra cui i due albanesi, transitavano sul tratto dell'autostrada per andare a lavoro. 
 
Mercoledì 15 Agosto 2018, 15:52
© RIPRODUZIONE RISERVATA