Mario Draghi in Parlamento: «Alcune regioni trascurano i loro anziani»

Mario Draghi in Parlamento: «Alcune regioni trascurano i loro anziani»

Mario Draghi annuncia la pianificazione di nuove riaperture col miglioramento della situazione epidemiologica ma lancia anche un monito, non il primo, alle regioni sul piano vaccini. Davanti al Senato, il presidente del Consiglio ha parlato in vista del Consiglio europeo di domani e dopodomani.

 

Leggi anche > Matteo Bassetti: «I sanitari no vax tradiscono il camice, vanno cacciati» Poi aggiunge: «Ricevo minacce ogni giorno»

 

Draghi: «Pronti a pianificare le riaperture, priorità a scuola»

«Mentre stiamo vaccinando è bene cominciare a pianificare le aperture». Lo dice il premier Mario Draghi nelle comunicazioni al Senato in vista del Consiglio Ue. «Noi stiamo guardando attentamente i dati sui contagi, ma insomma se la situazione epidemiologica lo consentirà la scuola aprirà in primis, anche nelle zone rosse. Cominciamo dalle scuole primarie e dalla scuola dell'infanzia», aggiunge.

 

Draghi: «Abbiamo quattro vaccini, immunizzare il più possibile»

«A un anno di distanza dobbiamo fare tutto il possibile per la soluzione della crisi. Sappiamo come farlo, abbiamo 4 vaccini sicuri e efficaci, ad apriòle arriva anche Johnson &johnson. L'obiettivo è vaccinare quante più persone possibile nel più breve tempo possibile. Dobbiamo chiedere alle case farmaceutiche il pieno rispetto degli impegni, in sede europea. Dobbiamo ricostruire una filiera che non sia vulnerabile agli choc e alle decisioni che avvengono all'esterno» - spiega Mario Draghi -  «Una volta che abbiamo una logistica efficiente, e l'abbiamo, con maggiore pragmatismo si arriva a una maggiore velocità. Procedere spediti con la somministrazione è importante ma è cruciale vaccinare prima gli anziani e i fragili che più hanno da temere dal virus. L'86% degli ospiti delle rsa ha ricevuto una dose. Il governo intende assicurare la massima trasparenza sui vaccini e e renderà pubblici i dati sul sito della presidenza del Consiglio».

 

Draghi alle regioni: «Alcune trascurano gli anziani»

«Mentre alcune Regioni seguono le disposizioni del Ministero della Salute, altre trascurano i loro anziani in favore di gruppi che vantano priorità probabilmente in base a qualche loro forza contrattuale. Dobbiamo essere uniti nell'uscita dalla pandemia come lo siamo stati soffrendo, insieme, nei mesi precedenti» - il monito di Mario Draghi - «Le differenze a livello regionali delle somministrazioni delle dosi sono difficili da accettare. Le Regioni seguano le priorità del piano nazionale».

 

Draghi: «Patenti ai vaccinati ma senza discriminazioni»

Mario Draghi parla anche del 'green pass' europeo, il certificato di immunità vaccinale: «L'obiettivo è dare entro tre mesi un certificato a chi è stato vaccinato. Occorre raggiungere questo obiettivo senza discriminazioni e nel rispetto dei dati sensibili dei cittadini. È un progetto complesso».

 

Draghi sulla Turchia: «Stop a patto Istanbul grave passo indietro»

«L'abbandono turco della Convenzione di Istanbul rapprensenta un grave passo indietro» - afferma poi Mario Draghi - «La protezione delle donne e la difesa dei diritti umani in tutti i paesi sono un valore europeo fondamentale, un valore identitario per l'Ue».


Ultimo aggiornamento: Mercoledì 24 Marzo 2021, 15:04
© RIPRODUZIONE RISERVATA