Jesolo, trovato morto il ragazzo di 23 anni disperso in mare da ieri pomeriggio

Jesolo, trovato morto il giovane disperso in mare da ieri pomeriggio

Il corpo del giovane turista disperso in mare da ieri pomeriggio a Jesolo è stato ritrovato questa mattina intorno alle 8.30. Il 23enne stava facendo il bagno quando, nel primo pomeriggio di ieri, era scomparso nel nulla al largo della Torretta 17: dopo ore di ricerche da parte dei sommozzatori, il giovane è stato trovato morto

Si tuffa ma finisce contro gli scogli, Sofia Perelli morta a 22 anni
Abruzzo, ritrovati morti i due fratellini di 11 e 14 anni dispersi in mare. Il padre ha rischiato la vita per cercare di salvarli.



Il corpo del giovane è stato recuperato dai sommozzatori dei vigili del fuoco, che lo hanno caricato su un'imbarcazione e portato al Cavallino, dove è stato preso in consegna dal personale del 118.

Il corpo del giovane è stato trasportato presso il Comando dell’Ufficio Circondariale Marittimo di Jesolo a disposizione dell’Autorità Giudiziaria per gli accertamenti finalizzati a stabilire le cause del decesso. Proseguiranno intanto gli accertamenti tecnici della Guardia Costiera per approfondire le circostanze dell’accaduto.

JESOLO, IL DOLORE PER LA MORTE DEL GIOVANE DISPERSO IN MARE

«Jesolo e la sua comunità piangono questo giovane, tragicamente scomparso in mare ieri mentre trascorreva una giornata tranquilla assieme alla sua famiglia e ai suoi cari». Lo afferma il sindaco di Jeslo (Venezia), Valerio Zoggia, esprimendo il cordoglio della città per la morte del 23 avvenuta ieri mentre faceva il bagno e il corpo è stato ritrovato stamane. «L'esito, purtroppo infausto delle ricerche condotte senza sosta per tutto il pomeriggio di ieri e alle prime luci dell'alba dai soccorritori ci lascia, ancora una volta, con un senso di smarrimento e profonda tristezza - rileva -. Rivolgo un sentito pensiero ai genitori e ai famigliari di questo ragazzo che si trovano ad affrontare una perdita e un dolore grandi. A loro va anche tutta la vicinanza della città perché ogni vita spezzata rappresenta una ferita anche per la nostra comunità. Desidero rivolgere un ringraziamento e un plauso ai soccorritori e a tutti i servizi d'emergenza che hanno lavorato per ore senza sosta, con un dispiego di forze ingente per dare una speranza a questo ragazzo e ai suoi cari. Chiedo a tutti, cittadini e ospiti di unirsi al dolore che sta vivendo questa famiglia, con rispetto e a rispettare la privacy in questo momento difficile».
Giovedì 15 Agosto 2019, 18:01
© RIPRODUZIONE RISERVATA