Fiorello, caos alla riunione di condominio a Venezia: tutta colpa di un ascensore

Le modifiche riguardano il cortile neogotico di Palazzo Bernardo, edificio quattrocentesco sul Canal Grande

Fiorello, caos alla riunione di condominio a Venezia: tutta colpa di un ascensore

Caos alla riunione del condominio di Fiorello a Venezia. Al centro della discordia il progetto di un ascensore voluto da alcuni proprietari di case tra cui anche lo showman. Le modifiche riguardano il cortile neogotico di Palazzo Bernardo, edificio quattrocentesco sul Canal Grande, e per alcuni rovinerebbero la facciata storica. I toni della discussione si sono accesi, ma chi si opponeva ai lavori ha perso. 

Leggi anche > Sanremo. Balistreri, direttore di scena da 40 anni del Festival: «Dalla Goggi terrorizzata ai capricci dei Dire Straits»

L’assemblea si è svolta la settimana scorsa e all'ordine del giorno c'era l'ascensore che dovrebbe collegare il piano terra al secondo piano nobile per aiutare due residenti con problemi di mobilità. Il Corriere del Veneto riporta le dichiaraziioni dell'assessore all’Urbanistica Massimiliano De Martin: «Senza entrare nel caso di Palazzo Bernardo, che non conosco, la popolazione è sempre più anziana, vivere a Venezia comporta non poche difficoltà tra cui il dover fare magari quatto o cinque piani a piedi: se si vogliono raggiungere standard abitativi di qualità, non invasivi e inclusivi, c’è la soprintendenza che vigila e garantisce che gli immobili siano tutelati».

Gaby Wagner, ex modella, designer e fotografa e il marito, l’avvocato Jean Marie de Gueldre, si sono opposti: «Come è possibile pensare di realizzare un ascensore nel cortile di un palazzo storico, avremo le due corsie tra le finestre della camera da letto. Al di là del fatto che è inopportuno intervenire in un contesto tutelato e da tutelare, avremmo non poco disturbo con il sali e scendi dello stesso mezzo». Il via libera ai cantieri però c'è stato e si assicura che i materiali e il progetto saranno rispettosi del contesto. 


Ultimo aggiornamento: Mercoledì 26 Gennaio 2022, 11:23
© RIPRODUZIONE RISERVATA