Truffato da un finto corso da operatore sanitario: giovane disoccupato si uccide

Truffato da un finto corso da operatore sanitario: giovane disoccupato si uccide

La truffa e il dramma. Un giovane disoccupato calabrese - da anni senza lavoro - si è tolto la vita, dopo aver scoperto di essere stato raggirato da una sedicente scuola che aveva frequentato perché convinto di conseguire il diploma di operatore socio sanitario, in realtà falso. Dalle indagini dei Nas effettuate sull'organizzazione di oltre trenta corsi per i cosiddetti 'Oss', è emerso che in realtà le attività di formazione professionale avevano soltanto lo scopo di procurare vantaggi economici a chi le organizzava. I corsi venivano gestiti attraverso una scuola professionale con sede ad Altomonte (Cosenza), la «Sud Europa», non accreditata alla Regione Calabria.

Leggi anche > 'Ndrangheta a Milano, colpo a un membro della cosca: sequestrati beni per 3 milioni

L'operazione, che ha portato all'arresto di sei persone, accusate di associazione per delinquere finalizzata alla truffa ed al falso, ha consentito di scoperchiare un pentolone di nefandezze e speculazioni. Si è scoperto, infatti, che i titoli professionali rilasciati, a fronte dei notevoli sacrifici anche economici sopportati da chi li ha frequentati (i corsi costavano in media duemila euro), erano in realtà soltanto «carta straccia» perché privi di qualsiasi valore legale. Ed è stata proprio la consapevolezza di essere rimasto vittima di una truffa, malgrado le tante speranze riposte nell'iniziativa, ad indurre al suicidio un giovane che aveva partecipato ad uno dei corsi.

Il particolare é stato rivelato dal comandante del Nas di Napoli, il colonnello Vincenzo Maresca, nel corso della conferenza stampa sull'operazione svoltasi nella Procura di Castrovillari. «Il giovane, disoccupato da anni - ha detto l'ufficiale - è stato sopraffatto dalla disperazione e si è tolto la vita, non riuscendo a sopportare la delusione per quanto aveva subito». Sulla vicenda del giovane suicida il Procuratore di Castrovillari, Eugenio Facciolla, ha detto che «le indagini sono ancora in corso. Stiamo verificando - ha aggiunto - anche l'ipotesi di istigazione al suicidio. La morte del giovane risale ad un'epoca antecedente l'avvio delle indagini. Stiamo approfondendo e verificando tutto, comunque».

Le sei persone destinatarie dell'ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal Gip di Castrovillari sono quattro imprenditori del settore della formazione professionale, due residenti nell'hinterland cosentino e due nel napoletano, e due dipendenti dell'Azienda sanitaria provinciale di Cosenza. Il ruolo di questi ultimi, in particolare, sarebbe stato strategico per portare a termine la truffa. I due, infatti avrebbero contattato persone di loro conoscenza per proporre la partecipazione ai corsi. Gli stessi dipendenti, inoltre, avrebbero organizzato incontri nell'ospedale di Trebisacce (Cosenza), in cui svolgevano le loro mansioni, rivelatisi «abusivi» perché non autorizzati dalla direzione del nosocomio. La centrale organizzativa della truffa é stata individuata in provincia di Napoli. L'operazione ha anche portato al sequestro di 291 titoli professionali rilasciati a conclusione dei corsi e di 570 mila euro, risultati provento dell'attività illecita.

Mercoledì 23 Ottobre 2019, 15:43
© RIPRODUZIONE RISERVATA