Coronavirus, “isolamento” per abitanti di Codogno, Castiglione d'Adda e Casalpusterlengo: «Restate in casa»

Coronavirus, “isolamento” per gli abitanti di Codogno, Castiglione d'Adda e Casalpusterlengo: «Restate in casa»

«Si invitano tutti i cittadini di Castiglione d'Adda e di Codogno, a scopo precauzionale, a rimanere in ambito domiciliare e ad evitare contatti sociali. Per coloro che riscontrino sintomi influenzali o problemi respiratori l'indicazione perentoria è di non recarsi in pronto soccorso ma di contattare direttamente il numero 112 che valuterà ogni singola situazione e attiverà percorsi specifici per il trasporto nelle strutture sanitarie preposte oppure ad eseguire eventualmente i test necessari a domicilio. E' attiva da ieri sera una task force regionale che sta operando in stretto contatto con il Ministero della Salute e con la Protezione Civile. La maggior parte dei contatti delle persone risultate positive al coronavirus è stata individuata e sottoposta agli accertamenti e alle misure necessarie»: è questa la prima comunicazione dell'assessore al Welfare della Regione Lombardia, Giulio Gallera, dopo la notizia dei primi tre contagi in Italia da coronavirus.



L'invito a restare in casa viene fatto anche «a Casalpusterlengo in via assolutamente precauzionale»: lo ha spiegato l'assessore al Welfare della Lombardia Giulio Gallera durante la conferenza stampa per fare il punto sul coronavirus. 

Leggi anche > Coronavirus, tre casi in Lombardia: grave un 38enne, positivi la moglie incinta e un amico. In quarantena una sessantina tra familiari e sanitari

Sono tre le persone risultate positive al coronavirus nelle ultime ore in Lombardia. Grave un trentottenne italiano ricoverato ieri in prognosi riservata all'ospedale di Codogno, in provincia di Lodi. Gli altri due contagiati sono la moglie e una terza persona che si è presentata spontaneamente in ospedale con sintomi di polmonite e che avrebbe avuto dei contatti con il 38enne.

Sono una sessantina le persone che sarebbero entrate in contatto con il 38enne ricoverato a Codogno: per loro scatta la quarantena, secondo quanto apprende l'Ansa. Non è ancora stato definito se i giorni sotto controllo sanitario verranno trascorsi in una struttura ad hoc o nelle proprie abitazioni. 

Ultimo aggiornamento: Venerdì 21 Febbraio 2020, 13:08
© RIPRODUZIONE RISERVATA