Bimbo malato di Covid resta senza medicine: la mamma in quarantena chiede aiuto ai carabinieri

Bimbo malato di Covid resta senza medicine: la mamma in quarantena chiede aiuto ai carabinieri

Chieti, i militari dell'Arma sono corsi a casa con i farmaci

Quanto il Covid-19, silenzioso e aggressivo, entra in casa, rende le famiglie inermi, sole, immobilizzate nelle loro abitazioni per la quarantena, paralizzare dalla paura.  Ed è per questo che una mamma ha composto il 112 e ha chiesto aiuto ai carabinieri: «Siamo soli, non ci possiamo muovere da casa, il nostro bambino sta male, ha bisogno delle medicine». E i militari dell'Arma sono corsi a casa con i farmaci.

Covid, famiglia positiva: due gemelli di 27 giorni in terapia intensiva neonatale

Succede a Chieti questa storia di paura e solidarietà e rispecchia i nostri tempi, tutti distanti per i via del Covid-19 ma vicini, vicinissimi, quando tutto sembra lontano. Sabato sera una giovane mamma, residente nel comune teatino, preoccupata per la salute del suo piccolo, ha contattato i carabinieri della stazione di Chieti Scalo per richiedere - la sua voce era disperata - aiuto, non sapeva come fare per acquisto dei medicinali per il figlio di sette mesi. Il bambino era stato appena dimesso dall’ospedale di Chieti, perché era stato da poco ricoverato per una brutta broncopolmonite bilaterale in corso da Sars Covid-19.

Omicron, tre neonati positivi al Covid ricoverati in terapia intensiva a Pescara

I genitori del piccolo, in quarantena, non avevano parenti o amici al momento disponibili. Hanno provato anche a contattare, senza riscontro dicono,  enti e strutture sanitarie, così non ci hanno pensato su due volte e si sono affidati ai militari dell’Arma. Un caso delicato per i carabinieri del Radiomobile di Chieti, che immediatamente sono andati in farmaci e hanno consegnato i medicinale per il piccolo. «Grazie, siete degli angeli», hanno detto i genitori. «L’azione dei militari testimonia ancora una volta quanto sia importante la disponibilità dell’Arma dei carabinieri, che è una presenza rassicurante in tutte le circostanze e un punto di rifermento per ogni cittadino, soprattutto in questo momento storico in cui è possibile trovarsi in difficoltà nel risolvere problematiche similari» dice una nota.

 

 


Ultimo aggiornamento: Lunedì 10 Gennaio 2022, 10:06
© RIPRODUZIONE RISERVATA