Alessandra Zorzin, la vicina di casa: «Ho sentito un forte rumore, Turrin mi ha detto che era caduto un mobile»

Alessandra Zorzin, la vicina di casa: «Ho sentito un forte rumore, Turrin mi ha detto che era caduto un mobile»

Una vicina di casa si era resa conto che qualcosa non andava nell'appartamento di Alessandra Zorzin. A raccontarlo è stata lei stessa a Il Corriere della Sera dove spiega di aver sentito un forte rumore il giorno del delitto e di aver chiamato la donna. In tutta risposta si è affacciato però un uomo, che già aveva visto, che gli ha detto che era tutto a posto ed era soltanto caduto un mobile.

 

Leggi anche > Saman Abbas: «Il corpo fatto a pezzi è dentro un fiume», la segnalazione in una lettera anonima

 

In quegli stessi attimi la 21enne veniva uccisa con un colpo di pistola al volto nella sua casa di Montecchio Maggiore, nel Vicentino, da Marco Turrin, guardia giurata di 38 anni. La donna ha raccontato di aver sentito prima i due litigare a voce alta e poi di aver udito un forte rumore prima di vedere Turrin andare via con la sua auto poco dopo. Insospettita da quei movimenti la vicina ha chiamato il marito di Alessandra.

 

Quando l'uomo è tornato a casa insieme al vicino sono entrati nell'appartamento dove hanno trovato la 21enne a terra in una pozza di sangue, vestita con uno zaino sulle spalle. Alessandra forse è stata uccisa mentre usciva di casa per andare a prendere la sua bambina di 2 anni all'asilo. Turrin è stato poi trovato privo di vita, suicida con la stessa arma con cui aveva ucciso la donna con la quale si stava frequentando da qualche mese.


Ultimo aggiornamento: Sabato 18 Settembre 2021, 13:43
© RIPRODUZIONE RISERVATA