Il padrone è in ospedale, il cane Leo lo aspetta per giorni davanti all'ingresso

Il padrone è in ospedale, il cane Leo lo aspetta per giorni davanti all'ingresso

  • 865
    share
Una vicenda decisamente commovente: non è un caso se Leo, un cane meticcio di taglia media e dal pelo fulvo, è stato ribattezzato "l'Hachiko di Tolmezzo". La sua storia, d'altronde, ricorda molto quella del cane protagonista del film con Richard Gere.



Siamo a Tolmezzo (Udine): un uomo è stato ricoverato in ospedale per qualche giorno e Leo, il cane di 'Fifty', questo il soprannome del padrone, è rimasto ad attenderlo davanti all'ingresso per tutto il tempo, incurante di pioggia e freddo. All'inizio la situazione aveva destato parecchia preoccupazione, specialmente dopo che le foto del cane in attesa del padrone erano diventate virali sui social.



La vicenda è raccontata anche da Repubblica.it. In molti pensavano che si trattasse di un randagio e si erano già attivati per dargli del cibo e una sistemazione, ma una conoscente del padrone aveva spiegato: «State tranquilli, è il cane di 'Fifty'. Lo segue dappertutto, sono inseparabili». Anche il datore di lavoro del padrone si era attivato, due giorni fa, per occuparsi di Leo durante il ricovero del dipendente, ma non ha trovato nessuno dei due: 'Fifty' era appena stato dimesso e aveva fatto già ritorno a casa in compagnia dell'amico a quattro zampe.
Giovedì 11 Gennaio 2018 - Ultimo aggiornamento: 14:20
© RIPRODUZIONE RISERVATA
POTREBBE INTERESSARTI ANCHE..
COMMENTA LA NOTIZIA
3 di 3 commenti presenti
2018-01-12 12:51:05
QUESTO AMORE.....
2018-01-12 21:24:47
Chi nn ha un cane nn può capire,,,,solo il cane è fedele
2018-01-11 20:50:41
Ok, adesso vorrei sentire cosa dice chi che ha postato il commento sui cani nei canili lager in Corea, quelli che chiamano di "allevamento". Perché si diceva che in altre culture, che dobbiamo capire, e così e così...Il cane ha delle qualità innegabili, è capace di instaurare un legame davvero importante con l'uomo. Forse il mio commento non si capirà, perché è collegato all'articolo sull'allevamento dei in Corea.Lasciamo perdere, va...Non ce la faccio.
DALLA HOME