Ferragnez, bufera sul volo Alitalia brandizzato: Di Maio chiede spiegazioni, la compagnia risponde al Mise

video
di Simone Pierini

Bufera in vista per il matrimonio tra Chiara Ferragni e Fedez. Luigi Di Maio 'irrompe' nelle nozze tra il rapper e la fashion influencer. A quanto apprende l'Adnkronos, il Ministero dello Sviluppo economico guidato da Di Maio si starebbe informando sulla vicenda del gate dell'aeroporto di Linate interamente dedicato da Alitalia al volo per la Sicilia utilizzato da Fedez e dagli invitati per raggiungere la promessa sposa Ferragni.

Chiara Ferragni e Fedez, il matrimonio. Le ultime notizie in Diretta
Ferragnez, notte di festa prima del matrimonio: balli nudi, discorsi e lacrime. Ecco com'è andata
Ferragni - Fedez, il matrimonio è alle 18: tutti connessi per il matrimonio più social di sempre​
Matrimonio Ferragni-Fedez: tutto quello che devi sapere​

Volo Ferragnez, Fedez e gli invitati al matrimonio in Sicilia sull'aereo speciale di Alitalia

La compagnia di bandiera - come si vede in alcune Instagram stories pubblicate dal cantante sul suo profilo ufficiale - ha infatti allestito un servizio brandizzato 'Ferragnez' per le due star dei social network: dal biglietto aereo ai gadget di bordo, passando per i display luminosi.
 

E ora il Mise (al quale i commissari di Alitalia fanno riferimento) avrebbe acceso i riflettori sulla vicenda. Sul tema oggi è intervenuto il deputato del Partito democratico Michele Anzaldi, il quale ha chiesto al ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti Danilo Toninelli di «stigmatizzare la decisione di personalizzare biglietti e schermi con il logo Ferragnez» considerate «le difficili condizioni economiche della compagnia».

ALITALIA, «NESSUN DISAGIO PER I PASSEGGERI» «In merito al volo utilizzato dagli invitati del matrimonio tra Chiara Ferragni e Fedez, Alitalia sottolinea che non si sono registrati disagi per i passeggeri in partenza dallo scalo di Milano Linate». Così Alitalia in una nota nella quale spiega che «si è trattato di un cosiddetto volo 'dedicato', ossia di un volo di linea - già previsto nella programmazione operativa della Compagnia - riservato ad un unico gruppo di viaggiatori che, quindi, erano gli unici al gate dell'aeroporto milanese». «Si precisa inoltre che non si è trattato di una sponsorizzazione, ma di un normale accordo commerciale da inquadrare nella campagna pubblicitaria dell'azienda», conclude la nota.


Ultimo aggiornamento: Sabato 1 Settembre 2018, 14:02
© RIPRODUZIONE RISERVATA