Violenta e uccide il figlio della fidanzata di un anno: «Non ne potevo più di sentirlo piangere»

Violenta e uccide il figlio della fidanzata di un anno: «Non ne potevo più di sentirlo piangere»

Violenta e uccide il figlio di un anno della sua fidanzata. Keishawn Gordon, 23enne del Bronx, a New York, ha ucciso il piccolo Legacy Beauford, che la sua compagna (e madre del bimbo) gli aveva affidato per una notte. L'uomo avrebbe prima abusato di lui soltanto perché era irritato dal continuo pianto del bimbo.

 

Leggi anche > Marito e moglie muoiono di Covid a un mese di distanza: lasciano 5 figli, l'ultimo ha pochi giorni

 

 

Quando i medici hanno visto il bambino si sono subito resi conto che aveva subito delle violenze così è scattata la denuncia. Il 23enne ha detto di avergli dato solo un colpetto sullo stomaco e di averlo lanciato in aria per farlo smettere di piangere, ma i numerosi lividi e le contusioni sul corpicino hanno comunque insospettito i poliziotti. Dopo diverse ore il patrigno ha ammesso le sue colpe spiegando di averlo prima stuprato e poi picchiato

 

«Ero frustrato, non smetteva di piangere», ha detto Gordon, secondo la denuncia, come riporta la stampa locale, «Continuava a vomitare. L'ho provato a scuotere. Mi stava irritando». Ora la polzia sta indagando sul fratello maggiore della vittima, presente anche lui in casa al momento del delitto, per capire se ha subito a sua volta abusi. Il 23enne sarebbe stato un volto noto alla polizia, arrestato per 5 volte per diversi reati.


Ultimo aggiornamento: Lunedì 13 Settembre 2021, 18:35
© RIPRODUZIONE RISERVATA