Thomas Cook in bancarotta, vacanze caos: 600mila turisti rimangono bloccati all'estero. A rischio 22mila posti di lavoro

Niente accordo con i creditori, Thomas Cook, lo storico tour operator britannico con 178 anni di storia alle spalle, ha chiesto la liquidazione giudiziaria: e la svolta, con la richiesta di bancarotta, mette ora a rischio 22mila posti di lavoro a livello globale di cui 9mila in Gran Bretagna. I disagi sono stati subito tangibili: tantissimi i turisti britannici in vacanza bloccati all'estero, con numeri che superano le centinaia di migliaia.

Leggi anche > EasyJet perde il bagaglio e glielo restituiscono rotto: «All'interno tutto distrutto»

Il governo britannico e la Civil Aviation Authority (Caa) si sono attivati per un ponte aereo per rimpatriarli tutti: in totale ci sarebbero circa 600mila clienti del tour operator, di cui 150mila britannici, inclusi 16mila il cui rientro era previsto per oggi. Il ministro dei Trasporti, Grant Shapps, ha detto che sono pronti 45 aerei charter per sostituire la flotta Thomas Cook e la Caa prevede per stasera il rimpatrio d'almeno 14.000 persone. Ad annunciare la richiesta di bancarotta, una nota della stessa società, che sottolineava che «sono cancellati tutti i futuri voli e le future vacanze».



Nonostante le trattative serrate, Thomas Cook non è riuscita a raggiungere un accordo con i creditori e questo ha innescato la richiesta di bancarotta. Il premier Boris Johnson ha subito assicurato che il governo si sarebbe occupato del rimpatrio dei turisti, ma aggiungendo che 
un salvataggio da parte dello stato alla Thomas Cook costituirebbe un «rischio» perché altre aziende potrebbero aspettarsi lo stesso trattamento in futuro. Secondo il premier, «bisogna studiare in che modo gli operatori turistici in modo o nell'altro possano proteggersi da simili casi di bancarotta in futuro».



Dal canto suo il gruppo cinese Fosun, che controlla Thomas Cook, si è detto deluso della decisione di procedere alla liquidazione dopo aver proposto un piano da 1,1 miliardi di sterline che prevedeva, fra l'altro, la conversione del debito da 2 miliardi in azioni e il passaggio del controllo delle linea area ai creditori. Un progetto che non si è concretizzato per i timori che la situazione fosse oramai compromessa presso la clientela che ha cancellato in massa le prenotazioni già effettuate. 

46 VOLI CANCELLATI DALLA SPAGNA Sono stati cancellati oggi in Spagna 46 voli (24 nelle Isole Baleari e 22 nelle Isole Canarie) dopo che il tour operator britannico Thomas Cook ha dichiarato bancarotta. È quanto rivela Aena. Gli aeroporti spagnoli interessati dalle cancellazioni sono stati quelli di Fuerteventura, Gran Canaria, Lanzarote, Tenerife Sud, Minorca e Palma di Maiorca. In particolare nelle Isole Baleari, 14 dei voli cancellati hanno origine e destinazione a Minorca (sette di partenza e sette di arrivo) e 10 a Palma di Maiorca (cinque di partenza e cinque di arrivo). Dei voli che avevano come destinazione gli aeroporti delle Isole Baleari non è arrivato nessuno e nel caso dei voli di partenza i passeggeri vengono trasferiti su altri voli. Il trasferimento viene effettuato tramite l'Autorità per l'aviazione civile (Caa) a Maiorca e il Consolato britannico a Minorca. La compagnia aerea Condor, una filiale di Thomas Cook, per ora ha mantenuto i suoi voli.

Lunedì 23 Settembre 2019, 10:14
© RIPRODUZIONE RISERVATA