Morto boss russo delle criptovalute, è il terzo in un mese: il giallo dell'elicottero e la teoria del complotto Cosa sta succedendo

Taran si è schiantato con l'elicottero il 25 novembre. Prima di lui altre due morti improvvise, legate al mondo delle criptovalute

Morto boss russo delle criptovalute, è il terzo in un mese: il giallo dell'elicottero e la teoria del complotto Cosa sta succedendo

Tre morti sospette in appena un mese, tutte legate tra loro da un unico grande filo conduttore. L'ultima è quella di Vyacheslav Taran, miliardario russo di 53 anni, deceduto dopo essere precipitato con l'elicottero in una località turistica vicino a Monaco. Era co-fondatore della piattaforma di trading e investimenti Libertex, leader nel mondo delle criptovalute. Lo stesso al quale appartenevano Nikolai Mushegian e Tiantian Kullander, morti improvvisamente il 28 ottobre e il 23 novembre. Un giallo in piena regola.

Capelli fragili e pelle secca, mamma di 27 anni ignora i sintomi: «Sono sempre stata bene». Poi la diagnosi choc

Navi da guerra russe nel Mediterraneo e nel Mar Nero. «Armate con 84 missili Kalibr»: l'allarme di Kiev

Cosa sta succedendo

La morte di Vyacheslav Taran si lega in realtà a due teorie complottistiche. Quella meno recente, che vede implicate morti sospette di pezzi grossi dell'elite russa. E quella scoppiata nell'ultimo mese e cominciata con la morte di Nikolai Mushegian, 29enne visionario delle criptovalute trovato senza vita in una spiaggia di Porto Rico. Pochi giorni prima aveva twittato un messaggio inquietante: «Mi incastreranno con un laptop piantato dalla mia ex, che era una spia. Mi tortureranno a morte». Dopo qualche settimana a morire è stato Tiantian Kullander, 30 anni. Era co-fondatore di Amber Group, altra azienda leader nel mondo cripto. È morto improvvisamente per un malore avuto nel sonno. Adesso Taran porto il conto totale a 3 morti, in appena un mese.

In viaggio seduti sul timone della petroliera, tre nigeriani sopravvivono in equilibrio per 11 giorni: la foto fa il giro del mondo

Il mistero dell'elicottero caduto

Il volo di Taran, partito da Losanna con un pilota esperto, alla guida di un elicottero monomotore H130, si è schiantato intorno alle 13:00 del 25 novembre. Nello schianto è rimasto ucciso anche il pilota, un francese di 35 anni. Il sostituto procuratore di Nizza, giunto sul posto dell'incidente, aveva dichiarato che «non si può escludere la colpa di terzi».

Un altro passeggero non identificato avrebbe dovuto unirsi al volo, ma ha cancellato all'ultimo minuto il suo biglietto, questo secondo quanto riferisce il Dailymail che cita la stampa locale. Taran lascia tre figli e la moglie Olga, fondatrice del giornale web "Hello Monaco". La famiglia era infatti residente nel principato francese. 


Ultimo aggiornamento: Martedì 29 Novembre 2022, 21:34
© RIPRODUZIONE RISERVATA