Londra, scontro tra manifestanti e polizia per le proteste contro l'Iran: 12 agenti feriti e diversi arresti

Scotland Yard ha affermato che durante la protesta sono scoppiati dei disordini, inizialmente nelle immediate vicinanze dell'ambasciata iraniana a Londra, e poi si sono spostati a Marble Arch e poi a Maida Vale, dove è stato preso di mira il Centro islamico d'Inghilterra fino a fuori dal Kilburn Islamic Centre

Londra, scontro tra manifestanti e polizia per le proteste contro l'Iran: 12 agenti feriti e diversi arresti

Centinaia di manifestanti si sono scontrati con la polizia antisommossa in tutta Londra chiedendo la fine della Repubblica islamica dell'Iran dopo che una donna curda è stata arrestata e presumibilmente torturata a morte per aver indossato l'hijab in modo improprio.

Leggi anche > Scopre che la sorella è vittima di maltrattamenti da anni, 31enne uccide cognato, padre e suocero e poi si suicida: «Non tollero più violenze»

Scotland Yard ha affermato che durante la protesta sono scoppiati dei disordini, inizialmente nelle immediate vicinanze dell'ambasciata iraniana a Londra, e poi si sono spostati  a Marble Arch e poi a Maida Vale, dove è stato preso di mira il Centro islamico d'Inghilterra fino a fuori dal Kilburn Islamic Centre. Diversi agenti sono rimasti feriti durante la protesta, cinque dei quali sono in ospedale con gravi ferite. Nel frattempo, 12 persone sono state arrestate con l'accusa di disordini violenti.

Quelle di Londra sono proteste che si uniscono ad altre città europee dopo le manifestazioni scoppiate in Iran dopo la morte della 22enne Mahsa Amini, la giovane che sarebbe stata uccisa dalla polizia iraniana per il modo in cui indossava il velo. Le donne iraniane hanno iniziato a dire la loro e alla loro voce se ne sono unite tante altre in tutto il mondo. 

Leggi anche > Arrestata dopo un furto denuncia i poliziotti: «Mi hanno fermata perché sono troppo bella»

Purtroppo le manifestazioni sono sfociate in violenza in alcune situazioni, come a Londra. Diversi filmati mostrano i contrasti in strada e i disordini che hanno reso necessario l'intervento delle forze dell'ordine. La folla ha cantato "Morte alla Repubblica islamica" e ha sventolato l'ex bandiera nazionale iraniana prima del 1979. Una clip in particolare mostra due ufficiali che lottano a terra con un manifestante che sembra aver sfondato la linea della polizia. Altrove, si può vedere la polizia antisommossa che cerca di liberare i manifestanti dalla strada vicino a Marble Arch.

La polizia ha emanato un ordine di dispersione della Sezione 35 per le prossime 48 ore nell'area colpita dal disordine. Il comandante Karen Findlay ha dichiarato: «Rispettiamo il diritto delle persone a protestare pacificamente e collaboriamo sempre con gli organizzatori per renderlo possibile, ma non tollereremo attacchi non provocati ai nostri ufficiali come abbiamo visto oggi o proteste che rappresentano un rischio per altre comunità». Poi ha continuato: «Abbiamo già effettuato numerosi arresti, ma sappiamo che ci sono persone che non sono state catturate stasera che hanno commesso gravi reati. Nei prossimi giorni, utilizzeremo tutti gli strumenti a nostra disposizione, comprese le telecamere a circuito chiuso e altri filmati, per identificare quelle persone e assicurarle alla giustizia».


Ultimo aggiornamento: Lunedì 26 Settembre 2022, 14:21
© RIPRODUZIONE RISERVATA