Coronavirus, spopola il tweet di Joe Biden di un anno fa: «Aveva previsto la pandemia». E' davvero così?
di Enrico Chillè

Coronavirus, spopola il tweet di Joe Biden di un anno fa: «Aveva previsto la pandemia». Ma la realtà è un'altra

Joe Biden, candidato democratico alla Casa Bianca, aveva previsto la pandemia di coronavirus? Stando a quanto sostengono alcuni utenti sui social, sembrerebbe di sì. E lo dimostrerebbe un tweet del rivale di Trump alle imminenti elezioni presidenziali, risalente a un anno fa. La realtà, però, è un'altra.

Leggi anche > Elezioni Usa 2020, l'astronauta Kate Rubins vota dallo spazio: quando il senso del dovere supera ogni distanza

«Non siamo preparati ad una pandemia. Trump ha fatto regredire i risultati che io e il presidente Obama avevamo raggiunto per rinforzare la sicurezza sanitaria di tutti. Abbiamo bisogno di una leadership che generi la fiducia dei cittadini, si concentri sulle vere minacce e mobiliti il mondo per fermare i focolai prima che raggiungano il nostro territorio», aveva scritto Joe Biden il 25 ottobre 2019.

 

 

Un tweet che sa di profezia, come sostengono molti utenti. I più complottisti credono che Joe Biden sapesse tutto dell'arrivo di una pandemia, altri invece che il candidato democratico alla Casa Bianca avesse mostrato una grande lungimiranza. In realtà, il tweet di Biden si basa su un articolo del Washington Post, che a sua volta prendeva spunto dai report annuale dell'Oms e della Global Health Security sulle pandemie e che portava come esempio l'epidemia di Ebola del 2014.

I complottisti sono destinati a rimanere delusi: il report dell'Organizzazione mondiale della sanità esce ogni anno e contiene istruzioni ai singoli stati di tutto il mondo sull'aggiornamento dei piani pandemici, l'insieme dei protocolli da attuare per contrastare la diffusione dei contagi virali. Un anno fa, stando a quanto rivelato dal Washington Post, 195 paesi in tutto il mondo non avevano un sistema adeguato per fronteggiare le epidemie.


Ultimo aggiornamento: Martedì 27 Ottobre 2020, 21:42
© RIPRODUZIONE RISERVATA