Tartarughe Caretta caretta, Enpa: «In Campania nel 2021 trovati 57 nidi, circa il 73% in più dello scorso anno. Nate oltre 2800 tartarughe»

Tartarughe Caretta caretta, Enpa: «In Campania nel 2021 trovati 57 nidi, circa il 73% in più dello scorso anno. Nate oltre 2800 tartarughe»

E’ un bilancio da record quello della Campania nel 2021 per la nascita delle tartarughe Caretta caretta. L’Ente Nazionale Protezione Animali ha stilato un rapporto delle attività in Campania relative al Progetto Tutela Animali Marini Enpa - Azione Nate Libere che ha visto i volontari Enpa, in particolare delle Sezioni di Salerno e Caserta, impegnati tutta l’estate in operazioni di monitoraggio e messa in sicurezza e che, per farlo, hanno percorso oltre 1200 km a piedi nelle coste del Cilento. Il risultato è stato davvero straordinario: di 247 nidi trovati sulle coste italiane 57 sono stati deposti in Campania, 73% in più rispetto al 2020 (erano 33), dai quali sono nate oltre 2800 tartarughe.

 

 

“Il monitoraggio è partito dai primi di giugno – racconta Roberta Teti, volontaria dell’Enpa di Salerno - e si è protratto fino agli inizi di agosto nei comuni di Ascea, Casalvelino marina, Pisciotta- Palinuro, Camerota e Castel Volturno. Ogni mattina all’alba percorrevamo a piedi o con la bicicletta “fatbike” oltre 22 km per individuare le tracce di risalita delle tartarughe marine. Poi trasmettevamo la posizione GPS e l’ampiezza delle tracce al responsabile SZN “A. Dohrn”, supervisore del progetto di tutela della specie. In caso di avvistamento o segnalazione di tartaruga nell’atto della deposizione, siamo intervenuti al fine di assicurare che tale attività proseguisse in modo indisturbato senza l’interferenza dei passanti”.

 

“Una volta individuate le tracce di tartaruga – continua Roberta Teti - siamo intervenuti per confermare la presenza del nido, anche in zone diverse dal monitoraggio intensivo (Acciaroli, San Mauro Cilento, Ogliastro marina, Capaccio-Paestum, Eboli, Castellabate), e per procedere con la successiva messa in sicurezza. In totale sono stati individuati 37 nidi nel salernitano, 18 nella provincia di Caserta e 2 a Napoli. Per molti nidi è stato necessario effettuare il trasloco, ovvero il trasferimento delle uova dal sito originario ad un punto della stessa spiaggia ritenuto più idoneo. Dal mese di agosto, in corrispondenza della fase di schiusa, insieme ai biologi del SZN Dohrn e in quanto volontari in deroga per la manipolazione degli hatchling, abbiamo coordinato la fase di allestimento dei presidi h24 (montaggio gazebo e tende) e assistenza alle schiuse (sostituzione rete sotto sabbia con rete esterna circolare, montaggio corridoio ombreggiato, assistenza delle tartarughe lungo il percorso a mare). L’assistenza alla schiusa consiste nel monitorare il nido, in modo particolare, nelle ore notturne, tuttavia assicurando una presenza in loco h24. Ad ogni emersione sono stati prelevati i seguenti dati: orario emersione, temperatura della sabbia, peso e dati morfometrici su un campione corrispondente al 30% dei neonati. A distanza di due giorni dall’ultima emersione si è provveduto all’apertura del nido per il conteggio finale delle uova effettivamente schiuse e alla raccolta dei dati relativi agli stadi embrionali di quelle non schiuse”.


Ultimo aggiornamento: Venerdì 22 Ottobre 2021, 13:06
© RIPRODUZIONE RISERVATA