Andreola, nella culla del Valdobbiadene
di Alessandro Brizi

Andreola, nella culla del Valdobbiadene

«Non chiamatelo Prosecco, il mio vino è Valdobbiadene DOCG». Queste le parole e la filosofia di Stefano Pola, titolare della cantina Andreola, tra le più premiate dell'area di Valdobbiadene (Treviso).
La culla storica del Prosecco disegna qui un paesaggio tra i più affascinanti d'Italia: ripide colline, vigneti a perdita d'occhio e ancora boschi e ruscelli a contendersi un territorio a tratti selvaggio. In questa dimensione liquida e cangiante si muove Stefano Pola, demiurgo in vigna e in cantina che, dopo aver raccolto il testimone da papà Nazzareno, si dedica da anni alla valorizzazione dell'origine territoriale dei propri spumanti DOCG. «Ogni mio vino racconta una vigna afferma un preciso e distinto territorio».
Complessi ma mai complicati, poliedrici e sempre di grande golosità, gli spumanti di Andreola, rappresentano la quintessenza di Valdobbiadene. Dal Cartizze al Brut, passando per i cru della Rive Selection, i vini sono esclusivamente frutto dei 94 ettari di proprietà, disseminati in vigneti con pendenze fino al 70%. «La nostra è una viticoltura eroica ribadisce Pola difficile, di montagna; non è un caso che dal 2010 siamo il primo produttore di Valdobbiadene iscritto al Cervim, il centro di ricerche, studi e valorizzazione per la viticoltura montana». Gli spumanti della selezione Rive ritraggono al meglio la diversità dei vigneti.
Nella DOCG Conegliano Valdobbiadene le Rive sono delle specificazioni geografiche in grado di evidenziare l'unicità dei vari vigneti del territorio. «I miei spumanti Rive di Refrontolo, Rive di Soligo, Rive di Rolle e Rive di Col San Martino spiega il nostro Stefano sono quattro cru da singolo appezzamento che vinifico separatamente proprio per trasmettere il messaggio della terra nel calice». Una interpretazione ancora più restrittiva quindi, e qualitativa, della DOCG, ad opera di una cantina tenace nel rivendicare origine e unicità per ciascun vino, a patto però di non chiamarlo mai, semplicemente, Prosecco.

riproduzione riservata ®
Ultimo aggiornamento: Giovedì 26 Marzo 2020, 08:48
© RIPRODUZIONE RISERVATA