Coronavirus, in aereo con la mascherina ma vicini: niente posti vuoti, la Ue accontenta le compagnie

video
di Francesco Bisozzi
Ad alta quota cadono le regole del distanziamento sociale. In materia di trasporto aereo ha prevalso la linea morbida: in base alle raccomandazioni anti-Covid dell'Ue i passeggeri dovranno decollare con la mascherina allacciata, ma potranno sedersi l'uno vicino all'altro. Le compagnie, che per provare a ripartire devono poter puntare a riempire gli aerei, scaldano i motori soddisfatte. «Ci sono dispositivi di sicurezza per i sistemi di ventilazione», ha detto la commissaria Adina Valean (il tema però appare controverso).

LEGGI ANCHE ​Vacanze, Ue riapre al turismo tra Paesi con gli stessi contagi: «Gli aerei? No posti vuoti»

Bruxelles sembra aver teso loro la mano, aprendo a restrizioni meno severe per l'accoglienza a bordo dei velivoli rispetto a quelle applicate al trasporto terrestre, anche se per motivare la decisione si è fatto riferimento allo spazio angusto dei mezzi aerei. Negli Stati Uniti, invece, si vola ancora nella direzione opposta, nonostante il costo elevato del distanziamento a bordo: American, Southwest, Delta e United per adesso mantengono attivo il lockdown sui sedili di mezzo. Emirates segue la stessa politica. Easyjet programma di non usare parte dei posti a sedere per un periodo non definito allo scopo di venire incontro alle richieste della clientela.

GLI INDENNIZZI
Sono arrivate pure le linee guida per i viaggi annullati. La Commissione ha ribadito che il diritto dei passeggeri al rimborso in caso di voli cancellati per Covid-19 non si tocca. Nel contempo ha invitato però le compagnie, alle prese oggi con il problema della scarsa liquidità, a rendere i voucher più attrattivi, così da offrire un'alternativa valida ai viaggiatori. Ma le raccomandazioni di Bruxelles non riguardano solo rimborsi, mascherine e sedili vuoti: si va dal divieto dei bagagli a mano al potenziamento del check-in online.

L'Ue raccomanda di limitare la presenza dei bagagli in cabina per evitare che il personale di bordo venga a contatto con gli oggetti personali dei passeggeri, suggerisce di non distribuire cibo e bevande durante il volo, chiede di rivedere le operazioni di imbarco e di sbarco, incoraggia i vettori a preparare dei protocolli di sicurezza per garantire l'isolamento dei viaggiatori che accusano i sintomi del Covid-19 nel corso del viaggio, sottolinea l'esigenza di garantire l'efficienza dei filtri dell'aria dei velivoli, specifica che non è compito delle compagnie svolgere gli screening sanitari e le spinge a incentivare ulteriormente la vendita elettronica dei biglietti e la modalità del check-in online per contribuire a evitare che si formino assembramenti in aeroporto.

Cambierà anche il modo di stare nei terminal: i passeggeri in entrata e in uscita seguiranno percorsi distinti e a senso unico slalomando tra dispenser di gel disinfettanti, la fase dei controlli richiederà più tempo, l'ingresso nei negozi duty-free sarà contingentato, almeno la metà delle sedute nelle aree d'imbarco saranno off-limit. Le raccomandazioni in materia di mascherine a ogni modo non coglieranno in contropiede le compagnie che a dire il vero si erano già organizzate in questo senso.
 

Come Lufthansa, che a partire da questo mese le ha rese obbligatorie a bordo dei propri aerei fino al 31 agosto, precisando che il ricorso ai dispositivi medici di protezione dovrebbe rendere in necessaria la politica dei sedili vuoti. Alitalia ha introdotto già a marzo la misura anti-contagio nei casi in cui l'elevato numero di viaggiatori non permette di rispettare la distanza interpersonale di sicurezza. Anche Ryanair, che a luglio farà decollare il 40 per cento della sua flotta, aveva già previsto di stabilire l'obbligo di mascherina in volo, minacciando di rimanere a terra se messa in condizione di non poter riempire gli aerei.

Secondo la Iata, l'associazione internazionale del trasporto aereo, il distanziamento a bordo si tradurrebbe in un incremento delle tariffe compreso tra il 43 e il 54 per cento. Ma ci sono anche compagnie che hanno previsto un piano B. Wizz Air potrebbe continuare a tenere vuoti i posti a sedere di mezzo per consentire ai passeggeri di rispettare le distanze interpersonali e per rientrare dei costi studia soluzioni ad hoc: la lowcost ungherese ipotizza per esempio di volare con meno carburante nei serbatoi.
Ultimo aggiornamento: Giovedì 14 Maggio 2020, 11:15
© RIPRODUZIONE RISERVATA