Fognini urla: «Sono un fr...». Poi le scuse in serata: amo la comunità Lgbt

Fognini urla «sono un fr...» e l'auto-insulto omofobo alle Olimpiadi diventa virale. Poi le scuse: amo la comunità Lgbt

Il video della sua sfuriata ha fatto il giro del mondo. E di certo non gli ha fatto bella pubblicità, soprattutto perché lo scenario è quello super internazionale delle Olimpiadi di Tokyo. Fabio Fognini, tennista azzurro, durante la partita degli ottavi del torneo di tennis contro il russo Medvedev, si è auto-insultato dopo una serie di colpi senza successo, gridando due volte di seguito «sei un frocio!». Ma non è finita qui, perché pochi istanti dopo si è rivolto in maniera piuttosto nervosa anche alla raccattapalle che era lì vicino a lui. 

 

Poi le scuse: «Una sciocchezza, amo la comunità Lgbt»

Poi, riacquistata la tranquillità, si è scusato con la comunità LGTB. Tensione, caldo, frustrazione: questi i motivi alla base del brutto sfogo di Fognini, che nello stesso sfortunato match ha lanciato per due volte la racchetta e ha discusso animatamente con il giudice di sedia Ramos per una seconda di servizio di Medvedev non chiamata fuori. Inchiodato dai video che hanno fatto il giro dei social e che lo riprendevano mentre gridava l'insulto omofobo contro se stesso aggiungendo «le devi tirare sopra la rete», Fognini, nella notte di Tokyo, ha utilizzato gli stessi social per scusarsi con la comunità LGBT, che difende i diritti di gay, lesbiche, bisex e transgender: «Il caldo dà alla testa! Nel match di oggi ho usato un'espressione davvero stupida verso me stesso. Ovviamente non volevo offendere la sensibilità di nessuno. Amo la comunità LGBT e mi scuso per la sciocchezza che mi è uscita. Ora vado in branda perché a Tokyo è notte, vi abbraccio». Il tutto scritto su uno sfondo arcobaleno.


Ultimo aggiornamento: Giovedì 29 Luglio 2021, 09:46
© RIPRODUZIONE RISERVATA