Ranieri: «C'è molto da lavorare ma siamo con la bombola d'ossigeno»

L'abbraccio caloroso dell'Olimpico e poi la gioia per la vittoria. Il ritorno di Claudio Ranieri sulla panchina della Roma è un concentrato di emozioni. «Devo fare i complimenti alla squadra, non era facile in queste condizioni, senza i pezzi da novanta – dice a caldo il tecnico ai microfoni di Sky Sport - Un grosso grazie ai tifosi che ci sono stati vicini in un momento difficile».
 


«La prima partita è andata e la cosa migliore è il risultato – aggiunge il neoallenatore - Dobbiamo lavorare molto, in questo momento stiamo con la bombola d'ossigeno. Noi il gol prima o poi lo facciamo, dobbiamo invece restare concentrati per non subirne. Non è possibile prendere tutti questi gol».

Qualche parola sui singoli, a partire da Zaniolo, uscito dal campo per infortunio. «Mi ha detto solo che si era indurito, non dovrebbe essere nulla di grave. Aveva avuto dei problemi, ma non volevo rischiare Perotti che era stato 120 minuti in campo a Oporto». «Florenzi è un ragazzo che ha carattere, nell’espulsione ha fatto di tutto per fermarsi, mi è sembrato troppo severo – ha aggiunto Ranieri – Schick è un giocatore cha ha tutto, velocità, tecnica, gol. Voglio rivedere quello che ha fatto a Oporto».
Lunedì 11 Marzo 2019, 23:30



© RIPRODUZIONE RISERVATA