Calciomercato, Roma: Dzeko potrebbe rimanere a Trigoria. Verso una pace armata con Fonseca
di Piergiorgio Bruni

Calciomercato, Roma: Dzeko potrebbe rimanere a Trigoria. Verso una pace armata con Fonseca

E’ una corsa contro il tempo. Sia per la Roma, sia per Edin Dzeko. La "truce" discussione con Paulo Fonseca ha sicuramente lasciato il segno, ma la situazione legata al futuro del bosniaco (il contratto scade nel 2022) non è ancora ben definita. Anzi, come spesso accade a Trigoria, è in costante evoluzione.

 

 

Fino a poche ore fa, infatti, non sembravano esserci margini di manovra per una sorta di riappacificazione. Qualcosa, però, potrebbe essere cambiato nelle ultime ore e, questa settimana, rappresenterebbe il periodo giusto per il congelamento della querelle e lo slittamento a fine stagione di ogni eventuale decisione. I motivi sono diversi e, ognuno dei quali, ha una sua logica ben precisa.

 

Tra una settimana esatta, ad esempio, chiude la sessione invernale del mercato e piazzare un giocatore che percepisce uno stipendio di 7.5 milioni di euro sarebbe quantomeno difficile. E non solo. Parallelamente, il club giallorosso dovrebbe trovare un sostituto all’altezza. Un attaccante da poter alternare con Borja Mayoral, ma che abbia una maggiore predisposizione a far male sotto porta. Il recente arrivo di El Shaarawy di sicuro aiuta, però non basta per provare a raggiungere la (stramaledetta) qualificazione alla Champions. Diego Costa è un nome caldo: apprezzato, monitorato e sondato. Anche se complicatissimo per le suddette motivazioni. Inoltre, non va sottovalutato neppure l’aspetto mentale legato al gruppo squadra: cedere Dzeko, senza prendere qualcuno di altrettanto forte e carismatico, rischierebbe di provocare qualche scossone.

 

Pertanto, a meno di incredibili incroci astrali dell’ultimo istante (l’Inter lo vorrebbe in prestito fino a giugno), la strada giusta per evitare di inasprire ancor di più gli animi dei tifosi e raggiungere almeno un obiettivo stagionale, potrebbe essere una pax armata. Come? Terapie forzate fino alla chiusura del mercato per la fastidiosissima botta ricevuta contro lo Spezia, fascia di capitano definitivamente sul braccio di Lorenzo Pellegrini e qualche panchina in più fino a maggio.


Ultimo aggiornamento: Lunedì 25 Gennaio 2021, 18:09

© RIPRODUZIONE RISERVATA