Alessia Zecchini, la regina degli abissi: «Sogno l'apnea alle Olimpiadi, e vinco l'oro»

Il sogno di Alessia Zecchini è ormai molto più di un sogno: l'affascinante e difficilissima disciplina sportiva dell'apnea potrebbe diventare sport dimostrativo ai Giochi Olimpici di Parigi nel 2024 ed entrare poi nel programma ufficiale a Los Angeles 2028. Alessia è la Regina degli Abissi, 27 anni di Roma. Sembra una fatina bionda, dagli occhi grandi e blu; in realtà detiene il record mondiale di immersione a -113 metri in assetto costante. Un primato clamoroso, nessuno al mondo come lei. Quest'estate nel mare caraibico dell'Honduras ha vinto tre medaglie d'oro ai Mondiali (in assetto costante con l'incredibile -113, appunto; in assetto costante senza attrezzi e in free immersion). Adesso è tornata ad allenarsi al Foro Italico prima delle ultime competizioni ed ha fatto visita alla redazione di Leggo, per raccontare la sua incredibile estate da record e, soprattutto, il suo sogno di poter andare alle Olimpiadi e poterle vincere.
 
 

Leggi anche > Alessia Zecchini, regina degli abissi: in apnea con monopinna scende a -113 metri. È nuovo record del mondo

«A Roatan, in Honduras, è stata la mia settimana perfetta. Tre gare, tre vittorie e tre ori. Vi svelo un segreto: amo il mare caraibico, l'acqua è calda, c'è la temperatura giusta per me e in quel blu cristallino mi sento più forte che mai».
Alessia è scesa a -113 metri in meno di quattro minuti, Rai e Mediaset hanno filmato l'impresa che ha fatto il giro del mondo; quello che più impressiona è la sua eleganza nel nuotare sott'acqua, sembra quasi danzare attorno al filo che la conduce nel profondo blu.



«Il mare è la mia vita. Tutti nasciamo dal mare, in immersione mi sento come fossi a casa; è qualcosa di naturale e bellissimo. Ma non pensiate sia facile. Io mi alleno tanto per tutto l'anno; è indispensabile a livelli internazionali».
E se davvero l'apnea entrasse a far parte del programma olimpico? Se ne parla tanto e seriamente, al Cio, al Coni, a livello internazionale.

«Io nel 2028 avrò 36 anni e sarò comunque in gran forma. Sapete che chi fa attività subacquea migliora con il tempo? Io tra nove stagioni spero di essere più forte di adesso e certo non penso al ritiro. Se l'apnea entrerà davvero alle Olimpiadi, prometto che punterò a vincere una medaglia per l'Italia e per la mia Roma».
Di medaglie Alessia se ne intende. Ne ha vinte 33 tra Mondiali ed Europei: a 27 anni, come palmares, può fare concorrenza a Federica Pellegrini. E ha conquistato 25 primati mondiali più un'infinità di titoli italiani. E adesso?
«Nel 2020 punto al Mondiale di Nizza e ad altri record. Dite che il -113 è una misura stratosferica? Secondo me si può migliorare». E se lo dice la Regina degli Abissi...
riproduzione riservata ®
Venerdì 20 Settembre 2019, 05:01
© RIPRODUZIONE RISERVATA