«Il Collegio 4? In classe nel 1982 tra Nesquik, Mundial e Michael Jackson»
di Donatella Aragozzini

«Il Collegio 4? In classe nel 1982 tra Nesquik, Mundial e Michael Jackson»

ROMA - Sta per suonare la campanella del Convitto Celana. Lo storico istituto di Caprino Bergamasca, che ebbe tra i suoi illustri allievi anche il futuro Papa Roncalli, è infatti pronto ad accogliere nelle sue aule i 20 protagonisti della quarta edizione de Il collegio, il docu-reality targato Magnolia e Banijay Group in onda da stasera alle 21.10 su Rai2. Diventato ormai un programma cult a tutti gli effetti, seguito lo scorso anno da una media di 2.300.000 spettatori con il 10% di share (con un impressionante 41,4% sul target 8-14 anni e addirittura il 49,3% tra le ragazze), la versione italiana del format internazionale Le Pensionnat – That’ll teach’em torna con diverse novità. La prima, la più importante, è che stavolta i giovani studenti – selezionati tra gli oltre 22.000 che si sono iscritti ai provini – non saranno più catapultati nei lontani anni Sessanta, ma nei mitici Ottanta, per la precisione nel 1982, alle prese con materie nuove come la breakdance, sulle note di Michael Jakson, l’aerobica e l’informatica, con i rivoluzionari (per l’epoca) Commodore 64.

«Per il resto non sarà tanto diverso – avvisa però la professoressa Maria Rosa Petolicchio, docente di Matematica e Scienze fin dalla seconda edizione – le regole non sono cambiate e il codice comportamentale a cui doversi attenere è praticamente lo stesso. I ragazzi avranno solo qualcosina in più, l’olio di fegato di merluzzo viene soppiantato dal Nesquik».
L’insegnante ammette però che il clima sarà leggermente più disteso: «Essendo classe 1965, io non mi sono potuta pensare alunna del 1961 o del 1968, mentre stavolta sono potuta andare indietro nel tempo, all’anno della mia maturità – racconta – quindi mi sono lasciata andare un po’, rispetto alle altre edizioni vedrete qualche mio sorriso in più ma le note caratteriali di una persona non si possono stravolgere e io non sono personaggio, nella quotidianità sono insegnante e dunque non seguo alcun copione: nelle corde la Petolicchio è sempre la Petolicchio».
Visto che il 1982 è ricordato anche per lo storico titolo di Campioni del Mondo conquistato dagli Azzurri della Nazionale di calcio allenata da Bearzot, lo spirito agonistico degli studenti verrà messo alla prova nel gioco del calcio. Altra novità, alla narrazione fuori campo di Giancarlo Magalli si sostituisce quest’anno la voce di Simona Ventura, che avrà degli inserti nei quali ricorderà i “suoi” anni Ottanta e le emozioni legate a quel periodo storico.
Per i veri appassionati del programma, infine, due chicche, una “social” e l’altra letteraria: la realizzazione di uno spin-off digital, Il collegio off, con le interviste fatte da Niccolò Bettarini e Valentina Varisco “Valeficent” ai protagonisti della terza edizione (quella ambientata nel 1968), per scoprire come è cambiata la loro vita dopo che le telecamere si sono spente, pubblicate ogni martedì e venerdì alle 15.30 sul canale YouTube di RaiPlay e sul profilo Instagram di Rai2 e de Il Collegio; e un libro di Rai Eri, Il Collegio. Quando la scuola è una macchina del tempo. 20 giovani e un’esperienza straordinaria, da oggi in tutte le librerie, con news, curiosità e le storie dei loro beniamini.
Martedì 22 Ottobre 2019, 07:20
© RIPRODUZIONE RISERVATA