Claudia Ferri a Oggi è un altro giorno: «La canzone di Anna Tatangelo mi ha cambiato la vita: ero io»

Da Serena Bortone la nota make up artist racconta il suo percorso per diventare donna e la svolta con la canzone di Anna Tatangelo "Il mio amico"

Claudia Ferri a Oggi è un altro giorno: «La canzone di Anna Tatangelo mi ha cambiato la vita: ero io»

Claudia Ferri è una nota make up artist ed è amica di Anna Tatangelo. Ospite di Oggi è un altro giorno da Serena Bortone spiega di essere stata lei a ispirare la canzone sull'amico gay portata a Sanremo nel 2008, quando era ancora Claudio. Quel brano ha cambiato tutta la sua vita e da lì è iniziato il percorso che l'ha portata a diventare Claudia.

Leggi anche > Antonella Clerici, lo sfogo in diretta a "È sempre mezzogiorno": «Ora basta, vorrei fare la trasmissione...»

Claudia Ferri e Anna Tatangelo

Claudia Ferri, originaria di Sora in provincia di Frosinone, nasce come Claudio e a 40 anni finalmente decide di cambiare sesso. Sono stati gli altri a farla sentire diversa sin da piccola: «Ho pensato anche al suicidio da bambino, il primo psicologo l’ho visto a sei anni. Il dolore era talmente grande. È una cosa che non farò mai, ma l'idea mi ha aiutato... Ricordo ancora la suora quando all’asilo chiese a mia madre se mi aveva spiegato che ero un maschietto e non una femminuccia». Anna Tatangelo è una sua grande amica da anni: «Lei è stata importantissima in questo percorso».

Claudia Ferri e Anna Tatangelo

Anna Tatangelo nel 2008 le ha dedicato una canzone al Festival di Sanremo, quando ancora Ferri si chiamava Claudio. Il brano è "Il mio amico", anche se, come ricorda Ferri, non fu un bel periodo:  «Lo sapeva tutta la famiglia che ero io. Anna è la mia amica del cuore. È una sorellina, ma io non ero ancora dichiarata con la mia famiglia e a mia madre, da sempre molto discreta e riservata, prese un colpo quando mi vide sui vari giornali». È stato però un momento di svolta, sebbene ci abbia messo un po' di tempo prima di cambiare sesso. Non voleva essere un peso per la famiglia che già soffriva per altri drammi familiari: «La prima persona a cui ho detto di voler essere Claudia è stato mio padre malato di Alzheimer.  Mi ha detto 'Perché non lo hai fatto prima? Non devi pensare a nessuno, pensa a te'». Commovente il videomessaggio di Anna Tatangelo: «È un’occasione per ribadirti che sono orgogliosa della donna che sei diventata. Abbiamo condiviso gioie e dolori. Io per te ci sarò sempre».


Ultimo aggiornamento: Martedì 15 Febbraio 2022, 18:04
© RIPRODUZIONE RISERVATA