Aiello: «Ecco la mia musica per un'estate meridionale»
di Rita Vecchio

Aiello: «Ecco la mia musica per un'estate meridionale»

Un pop alla sua maniera: così Aiello è musicalmente sui generis. Il cantautore cosentino - nome Antonio e 35 anni il prossimo 25 luglio -  che è entrato nella nomination al David di Donatello come miglior canzone originale con “Festa” (colonna sonora del film “Bangla”), anticipa con Vienimi (a ballare) il secondo disco a cui sta lavorando dopo Ex Voto (che conteneva i brani “Arsenico” 17 milioni di stream e 8.7 milioni di views e “La mia ultima storia”) e che uscirà nei prossimi mesi. Un mix di suoni, calamitati verso sud. Alla sua terra. Alle sue radici. Alle sue origini. Alla sua meridionalità che ricorda sempre, nonostante viva a Roma da 13 anni. Aiello è un fiume di parole. «Mi dicono che parlo troppo, è vero?». Non saprei. «Ma ascolto tantissimo, anche. Le persone che ho attorno le vivo come fotografie. Le osservo. Imparo, come i viaggi, così i loro racconti di vita vera. Anche i social per me sono un momento di ispirazione. Vede che parlo troppo?». Ride, è allegro e ed è felice di raccontare “Vienimi (a ballare)”, il cui videoclip è girato nel Lazio.

Nato in quarantena?

Il mio bisogno di carnalità risale a dicembre ma l’ho vestito in quarantena. Nella mia casa di Roma. La musica mi ha così salvato, distogliendomi il pensiero da quello che stavamo vivendo.

É una canzone che a un certo punto urla “ciotarì”. 

Che significa “pazzo” in dialetto calabrese. La canzone è esigenza di leggerezza. Da non scambiare per superficialità. Le parole affondano in una promessa che faccio a me stesso di non cercare una storia finita, ma di trovare nuovi stimoli. Il titolo non è un invito gentile. È viscerale, terreno, carnale. Come lo è per me la mia terra e il meridione tutto. 

Nella didascalia del suo profilo Instagram, si legge che lei è “troppo pop, troppo street, troppo meridionale”. 

Prima di Ex Voto mi chiudevano le porte in faccia dicendomi che ero “troppo indie”, o “troppo pop”, “o troppo r&b” per fare musica.  Quindi ho voluto giocare di anticipo, in modo autoironico. Se mescola questi  “troppo” trova “Vienimi (a ballare)” che a livello sonoro è un viaggio nelle mie radici, ricco di spunti bizantini, spagnoli, arabi che si incontrano con la musica street e con il pop cantautorale, quello di Battisti, Dalla, Rino Gaetano. Ritmi travolgenti che sanno di sperimentazione e non vogliono essere inseriti in una categoria specifica. 
 

Il secondo disco quando esce? 

Non ho propria idea. Ma ci sto lavorando. Sarà un disco che alterna sudate a lacrimucce. 

Parla di meridione. La politica sta lavorando per il sud?

A proposito di “troppo”, temo qui la risposta sia “troppo poco”. Ho più fiducia nel singolo cittadino che nella politica in generale. Sono innamorato dei miei conterranei che spesso sono etichettati in modo negativo. Da cantastorie, voglio raccontare la bellezza del meridione. Non è tutto bello, ci sono problemi, dalla sanità all’economia. Ma la maggior parte dei calabresi sono persone autentiche e bellissime. La Calabria è una terra piena d’arte, di cultura, di storia, di tradizione.  L’occhio di bue va acceso sulle cose belle. Onestà, mescolanza etniche, lavoro.

E Salvini, quindi, è si o no per Aiello?

Sono lontano dal suo pensiero. Diciamo così. Il diverso non è qualcosa da cui difendersi. Le mescolanze etniche sono un’opportunità.

Quanto è stato trovarsi in nomination per il David di Donatello? 

Entrare in nomination è stato un regalo bellissimo, come se avessi vinto.  Amo il cinema. E spero di ritornarci a farne parte. 

Le dico una parola: Sanremo. Lei risponde?  

Che è una bellissima trasmissione. Non sono uno snob. La vedo tutti gli anni. Non penso che ci debba essere per forza. Non dico che non ci andrò mai. Io dico che se ho una bella canzone, potrei andare. Ma non è un pensiero fisso. 

Ha dovuto, come tutti, eliminare le date del suo tour. 

Una botta d’arresto pesantissima. Ho fatto Roma e Milano con il pre tour, e le date che avrei fatto sarebbero state quasi tutte sold out. Non vedo l’ora di riprendere, la musica si fa con il pubblico. 

Glielo auguro.

Grazie. E io auguro una buona #estatemeridionale. A tutti. 
Ultimo aggiornamento: Venerdì 3 Luglio 2020, 17:41
© RIPRODUZIONE RISERVATA