Scuola, troppi ponti: si comincia prima
di Lorena Loiacono

Scuola, troppi ponti: si comincia prima

  • 483
    share
Tutti in classe con qualche giorno di anticipo. Quest'anno le vacanze per gli studenti finiscono prima del previsto: mancano infatti pochissimi giorni alla prima campanella. Il motivo? La scuola, in primavera, si fermerà praticamente per due settimane e allora potrebbero mancare i giorni necessari per portare a termine le lezioni. Da qui la decisione di giocare d'anticipo. E' previsto infatti un ponte lunghissimo tra i mesi di aprile e maggio, che partirà da giovedì Santo per poi proseguire con la pausa pasquale a cui faranno seguito i ponti legati al 25 aprile e, a catena, al 1 maggio. In altre parole: stop alle lezioni per due settimane.

Università, via ai test: più posti per Medicina



Per garantire i 200 giorni i minimi di didattica, molte scuole di regioni come il Lazio e la Puglia hanno deciso di anticipare il rientro di qualche giorno: nel Lazio, ad esempio, il calendario regionale prevede la riapertura delle scuole il 17 settembre ma molti istituti inizieranno il 12 o il 13 settembre, in Puglia addirittura le scuole avrebbero dovuto riaprire il 20 per evitare di tornare sui banchi con il caldo, ma molte hanno deciso di rinunciare ad una settimana di vacanza. E così anche le regioni più calde e quelle in cui il rientro in classe arriva dopo la metà del mese, si ritroveranno a studiare prima. In linea con quanto accade ad esempio negli istituti della Lombardia dove il calendario regionale ha già previsto la data del primo giorno di scuola il 12 settembre.

Non solo, tra le possibili pause dalle lezioni ci sarà anche il ponte legato al Primo novembre, che cade di giovedì, che potrebbe tenere chiuse le scuole fino al 5 novembre e le elezioni europee fissate per tutti gli Stati membri tra il 23 e il 26 maggio. Sta iniziando quindi un anno scolastico più breve del solito. E mancano ancora all'appello molti docenti tra quelli previsti per le oltre 57mila assunzioni decise dal ministero dell'istruzione.
«Solo 17.747 docenti sono stati individuati sui 57.322 posti - spiega Marcello Pacifico, il presidente dell'Anief - senza contare che per le supplenze, la prima fascia delle graduatorie d'istituto sarà pronta soltanto il 3 settembre e la terza fascia del personale ATA entro il 20 settembre, ad anno scolastico iniziato».
riproduzione riservata.
Lunedì 3 Settembre 2018 - Ultimo aggiornamento: 09:31
© RIPRODUZIONE RISERVATA
POTREBBE INTERESSARTI ANCHE..
DALLA HOME