Wuhan, 3 ricercatori del laboratorio «si ammalarono nel novembre 2019 e chiesero aiuto». Nuovo dossier Usa

Wuhan, 3 ricercatori del laboratorio «si ammalarono nel novembre 2019»: nuovo dossier Usa. La Cina: stop teorie complotto

Nuove ombre sulle origini del virus. Tre ricercatori dell'istituto di virologia di Wuhan, in Cina, si sono ammalati nel novembre 2019 e hanno cercato assistenza sanitaria. Lo riporta il Wall Street Journal, citando un report dell'intelligence americana che rischia di accendere nuovamente il dibattito sulle origini del Covid e sulla possibilità che il virus sia sfuggito dal laboratorio.

I dettagli della segnalazione scavalcano una scheda informativa del Dipartimento di Stato, emessa durante gli ultimi giorni dell'amministrazione Trump, in cui si afferma che diversi ricercatori del laboratorio, un centro per lo studio dei coronavirus e di altri patogeni, si sono ammalati nell'autunno 2019 «con sintomi compatibili sia con Covid-19 sia con una comune malattia stagionale». Da lì, la richiesta di aiuto e controlli medici.

La divulgazione del numero di ricercatori, i tempi delle loro malattie e le loro visite ospedaliere arrivano alla vigilia di una riunione dell'organo decisionale dell'Organizzazione mondiale della sanità (Oms), dove si dovrebbe discutere la prossima fase di un'indagine sulle origini del Covid-19.

Covid, «la Cina sapeva che il mercato di Wuhan era a rischio di malattia 5 anni prima della pandemia». L'accusa dello scienziato australiano

Funzionari attuali ed ex che hanno familiarità con l'intelligence sui ricercatori di laboratorio, hanno espresso opinioni divergenti sulla forza delle prove a sostegno di questa nuova valutazione. Una persona ha affermato che le informazioni sono state fornite da un partner internazionale ed erano «potenzialmente significative», ma necessitano ancora di ulteriori indagini e di ulteriori conferme.

Un'altra persona ha descritto la notizia come molto forte. «Le informazioni che abbiamo ricevuto dalle varie fonti erano di alta qualità e molto precise. Abbiamo il motivo esatto per cui si erano ammalati», ha concluso la fonte, riferendosi ai ricercatori.

L'OMS esprime dubbi su missione in Cina. Dati incompleti, necessarie altre indagini

 

Replica della Cina - La Cina ha sollecitato gli Usa a chiudere con le teorie del complotto, con il coronavirus fuggito da un laboratorio di alta sicurezza a Wuhan. L'ultimo rapporto sul tema «non è veritiero», ha affermato il portavoce del ministero degli Esteri Zhao Lijian nella conferenza stampa quotidiana su quanto pubblicato domenica dal Wall Street Journal in base all'intelligence Usa, secondo cui tre ricercatori del Wuhan Institute of Virology, il laboratorio incriminato nel capoluogo di Hubei dove è stato identificato il primo focolaio di Covid-19, si erano ammalati a novembre 2019. La struttura ha negato responsabilità o coinvolgimenti.


Ultimo aggiornamento: Martedì 25 Maggio 2021, 10:44
© RIPRODUZIONE RISERVATA