Covid, Burioni: «Basta blaterare di immunità di gregge, stop bugie pericolose: serve il vaccino»

Video

Roberto Burioni sul Covid smonta la tesi dell'immunità di gregge e punta tutto sul vaccino. «Uno studio recente indica che il raggiungimento dell’immunità di gregge attraverso la diffusione naturale di SARS-CoV-2, come auspicato da molti politici stranieri, non è percorribile. Avete sentito sicuramente diversi politici (per fortuna non italiani) auspicare il raggiungimento dell’immunità di gregge attraverso la diffusione dell’infezione naturale da coronavirus. Uno studio recente apparso su Lancet indica che questa strada non è percorribile. Infatti, mentre in Italia le indagini sierologiche vanno a rilento, iniziano a essere pubblicati i dati riguardo alla sieroprevalenza (ovvero il numero di persone che hanno nel loro sangue gli anticorpi contro il coronavirus) in zone dove l’epidemia è stata particolarmente intensa». Il virologo dell'ospedale San Raffaele di Milano lo scrive su Twitter, citando uno studio ad hoc.

«Tralasciando i numeri, che chi vuole può andarsi a vedere nei riferimenti bibliografici che su Medical Facts non mancano mai, la sostanza è molto semplice - scrive Burioni -. La grandissima parte della popolazione (sopra l’80%) non è entrata in contatto con il virus, anche nelle zone dove il virus ha avuto una intensa circolazione. Questo è accaduto anche nelle nazioni – come la Svezia – dove non c’è stato un lockdown particolarmente severo». E cita l'articolo del Lancet: «Ovviamente questi studi hanno limitazioni: misurano gli anticorpi e ancora non sappiamo che relazione ci sia tra la presenza degli anticorpi e la protezione e neppure siamo certi che tutti gli individui infettati abbiano poi sviluppato la sieropositività, per cui questi dati hanno un’area di incertezza. Per non essere quindi tacciati di partigianeria, a questo punto lasciamo la parola all’editoriale di Lancet». Che testualmente dice: «Considerando queste scoperte, qualunque proposta che speri di ottenere l’immunità di gregge attraverso l’infezione naturale non solo è inaccettabile dal punto di vista etico, ma pure destinata a non ottenere il risultato sperato. Con una gran parte della popolazione ancora suscettibile all’infezione, la circolazione del virus può ritornare velocemente a quella che caratterizzava l’inizio della pandemia se si abbandonano le misure di prevenzione».

Covid, scoperti anticorpi in persone mai infettate: alcuni avevano preso un semplice raffreddore

Covid, la doppia ricerca italiana e inglese: «Così le cellule anomale danneggiano i polmoni»

Vaccino Covid, i medici di Washington: «Trovato uno 10 volte più forte degli attuali, non ha bisogno di essere congelato»

Dalla vitamina D all'Idrossiclorochina: le cure anti-Covid promosse e bocciate

Insomma, come per tutte le altre infezioni, «per l’immunità di gregge ci vuole il vaccino; nel frattempo – senza paura e senza panico – continuiamo a vivere la nostra vita di sempre con qualche precauzione in più. Portare la mascherina nei luoghi affollati non è un sacrificio così drammatico, e sono sicuro che il disagio è solo questione di abitudine», conclude il virologo.

 

 


Ultimo aggiornamento: Domenica 8 Novembre 2020, 22:57
© RIPRODUZIONE RISERVATA