Omicron, più efficace booster Moderna o Pfizer? I dati 7 giorni dopo il vaccino
di Giampiero Valenza

Omicron, più efficace booster Moderna o Pfizer? I dati a distanza di una settimana dal vaccino

Moderna ha un'efficacia che supera il 90% dopo una settimana dal vaccino. Pfizer è di poco inferiore all'80%

Arrivano nuove conferme sull’efficacia della terza dose del vaccino anti-Covid contro la variante Omicron. Questa volta è il servizio sanitario britannico a dimostrare come il booster rafforzi il suo effetto contro l’ospedalizzazione. Da due a quattro settimane dalla somministrazione l’efficacia è del 92%, dalla quinta alla nona è dell’88% e dopo la decima settimana scende all’83%, con i risultati di Moderna che sono superiori rispetto a quelli di Pfizer. Il primo ritrovato, infatti, ha un'efficacia che supera il 90% dopo una settimana dal vaccino. Pfizer è di poco inferiore all'80%.

«Queste stime suggeriscono che l’efficacia vaccinale contro la malattia sintomatica della variante Omicron è significativamente più bassa se comparata con la variante Delta e cala rapidamente – spiegano gli studiosi nel 34esimo Report dell’Health Security Agency del Regno Unito – Tuttavia, la protezione contro l’ospedalizzazione è molto più grande, in particolare dopo la dose booster: l’efficacia vaccinale è tra l’85% e il 90%». Gli esperti britannici spiegano come siano necessari altri dati per stimare la durata della protezione.

Positivi prima del booster, si può annullare l'appuntamento? Dopo quanto si può fare la terza dose? E se il richiamo viene fatto lo stesso?

I sintomi e la differenza Moderna-Pfizer

Come già la ricerca aveva notato, i sintomi di perdita di odore e di gusto sono meno frequenti nei casi Omicron rispetto che in quelli Delta (13% nei primi, 34% nei secondi), con il mal di gola che invece è molto più presente (53% in Omicron, 34% in Delta). Ma questo sintomo, osservano i ricercatori, «è stato riportato anche tra coloro che hanno un test negativo per Sars Cov-2. Quindi questa potrebbe essere una scoperta accidentale».

La scienza, comunque, aveva già apprezzato i maggiori risultati di Moderna. Un recente lavoro dell’Università della Carolina del Nord a Chapel Hill, pubblicato sul New England Journal of Medicine, ha dimostrato che l'efficacia dei vaccini a mRna di Pfizer e Moderna nel ridurre il rischio di Covid-19 ha raggiunto un picco di circa il 95% a due mesi dalla prima dose e poi è gradualmente diminuita. A sette mesi, il vaccino Pfizer è sceso al 67% di efficacia, mentre Moderna era all'80%.

 

Omicron, quanto uccide? Tasso di letalità e ricovero grave: cosa sappiamo finora

Efficacia dopo la prima dose

Tra i primi pazienti di questi due vaccini a mRna l'efficacia è diminuita drasticamente da metà giugno a metà luglio, quando la variante Delta stava aumentando i suoi contagi negli Usa. L'efficacia del vaccino ad adenovirus Johnson & Johnson è stata invece del 75% un mese dopo l'iniezione ed è scesa al 60% dopo cinque mesi. Tutti e tre i vaccini sono risultati comunque efficaci strumenti per evitare il ricovero per Covid. L'efficacia del vaccino Pfizer ha raggiunto un picco del 96% a due mesi ed è rimasta intorno al 90% a sette mesi; l'efficacia del vaccino Moderna ha raggiunto un picco del 97% a due mesi ed è rimasta al 94% a sette mesi. L'efficacia del vaccino Johnson & Johnson, invece, ha raggiunto un picco dell'86% in due mesi ed è stata superiore.

 

 

 


Ultimo aggiornamento: Lunedì 17 Gennaio 2022, 16:16
© RIPRODUZIONE RISERVATA