Mattarella, le reazioni da Letta a Di Maio e Salvini: «Grazie per autorevolezza, forza e coraggio»

Video

Il presidente della Repubblica Sergio Mattarella si è rivolto agli italiani per il tradizionale discorso di fine anno, l'ultimo del suo settennato. «Care concittadine, cari concittadini, ho sempre vissuto questo tradizionale appuntamento di fine anno con molto coinvolgimento e anche con un po’ di emozione. Oggi questi sentimenti sono accresciuti dal fatto che, tra pochi giorni, come dispone la Costituzione, si concluderà il mio ruolo di Presidente», ha esordito il Mattarella. 

Alla necessità di «guardare insieme con fiducia e speranza al nuovo anno», il Capo dello Stato ha aggiunto il bisogno di «esprimere il mio grazie a ciascuno di voi per aver mostrato, a più riprese, il volto autentico dell’Italia». Mattarella ha poi voluto sottolineare il ruolo fondamentale della ricerca e della scienza, che  «ci hanno consegnato, molto prima di quanto si potesse sperare, questa opportunità. Sprecarla è anche un'offesa a chi non l'ha avuta e a chi non riesce oggi ad averla. I vaccini hanno salvato tante migliaia di vite, hanno ridotto di molto la pericolosità della malattia». Immediate le reazioni del mondo politico, da Enrico Letta a Matteo Salvini. 

 

 

«Grazie al Presidente Mattarella per questi sette anni di servizio alle istituzioni, da campione dell' Interesse Generale. E grazie per le esortazioni del discorso di fine Settennato. La più impegnativa e bella è per me la sfida a dare risposte ad angosce e speranze dei giovani», ha scritto il leader del Pd, Enrico Letta su twitter. 

 

 

«Grazie al Presidente Mattarella, di tutto e per tutto. Condividiamo con il Presidente l'orgoglio e il ringraziamento per tutti gli Italiani, dal personale sanitario, ai volontari ed alle forze dell'ordine, che hanno dimostrato responsabilità, pazienza, dignità, forza e coraggio in mesi di gravi difficoltà», ha dichiarato il leader della Lega, Matteo Salvini. «La Lega è fiera del contributo dato al Paese, soprattutto in un governo anomalo come quello attuale, e apprezziamo le parole del Presidente nei confronti di chi si è assunto la responsabilità di contribuire alla guida del Paese - aggiunge Salvini -: nel 2022 tutti quanti raccoglieremo i frutti di questi sacrifici e di questo impegno, che anche in queste ore ci vede concentrati per fronteggiare il drammatico rincaro delle bollette di luce e gas. Apprezziamo anche il riferimento non scontato al pericolo rappresentato dal terrorismo islamista, perché la difesa della vita e dei valori cristiani non siano mai, da nessuna parte e per nessun motivo, messi in discussione».

 

 

«Condivido l'apprezzamento del Presidente Mattarella sul senso di responsabilità dei cittadini che, di fronte ad una emergenza senza precedenti come il Covid, hanno saputo rialzare la testa e ripartire. Ripartire da un punto di vista sanitario con i vaccini e da un punto di vista economico contribuendo con il loro lavoro ad una forte ripresa economica», ha affermato il presidente del Senato, Elisabetta Casellati. «Ringrazio il Presidente Mattarella - ha aggiunto - per l'autorevolezza e l'equilibrio che hanno ispirato il suo operato».

 

 

«Fiducia nei vaccini e nella scienza, nell'Europa e nella forza degli italiani. Un invito ai giovani ad essere protagonisti del futuro, l'importanza del ruolo educativo degli insegnanti, al centro il valore dell'unità della Repubblica e delle sue istituzioni. Grazie presidente Mattarella. L'Italia responsabile e solidale ce la farà», ha dichiarato la presidente dei senatori del Pd Simona Malpezzi. 

«Grazie Presidente Mattarella». Così su twitter il ministro della Salute Roberto Speranza dopo il discorso del Capo dello Stato.

 

 

«Il simbolo dell'unità nazionale. Ha sempre trasmesso fiducia, certezze e serenità. Grazie al Presidente Mattarella, che nei momenti più bui e davanti alle fragilità di un popolo lacerato dalla pandemia, ha preso sulle proprie spalle l'intero Paese. Non ci ha mai fatto mancare il suo supporto, tracciando la strada da seguire, sempre attento alle esigenze di tutta la collettività. Oggi dobbiamo guardare avanti, senza dimenticare la sofferenza di questi mesi drammatici. Ma il domani, con la collaborazione di tutti e con un forte attaccamento alle Istituzioni, ci permetterà di far ripartire l'Italia al massimo delle sue potenzialità. Grazie Presidente, un esempio per tutti noi». Così su Facebook il ministro degli Esteri Luigi Di Maio. 

«Se qualcuno volesse nuovamente utilizzare l'allarme Covid, per indurre il presidente a modificare il suo pensiero e riproporne strumentalmente la rielezione, sappia che Fratelli d'Italia sarebbe contraria. Con rispetto ma con altrettanta fermezza». Così la leader di FdI, Giorgia Meloni, commentando il messaggio di fine anno di Sergio Mattarella.

 

«Le parole di Mattarella dipingono l'orizzonte di un impegno politico a cui non possiamo sottrarci. Il bisogno di consegnare il testimone ai nostri giovani; l'esigenza di contrastare precarietà e disuguaglianze guardando in faccia la realtà senza filtri di comodo; la sfida della transizione ecologica e digitale. E poi l'appello all'unità e alla responsabilità di ognuno in questi momenti così difficili in cui dobbiamo essere compatti, trovando nella solidarietà, nella coesione, nella forza morale la speranza e la fiducia per non lasciarci mai scoraggiare. Sono tutti messaggi che rafforzano l'orgoglio che provo nell'aver vissuto -insieme a tutti i cittadini italiani- i momenti più duri di questi anni potendo contare su una guida sempre attenta alle esigenze reali delle persone, all'interesse generale, al bene dell'Italia. Grazie Presidente Mattarella, da tutti noi». Lo scrive su Facebook Giuseppe Conte, presidente del Movimento 5 stelle.

 

 

 

«Il Presidente Mattarella ha salutato questo anno complicato con la sua solita chiarezza e vicinanza agli italiani, trasmettendoci speranza e fiducia verso l'anno che verrà. Questo è stato il suo ultimo discorso di fine anno da Capo dello Stato e noi non possiamo che ringraziarlo per esserci stato sempre nei momenti più bui di questi sette anni, la sua presenza ci ha sostenuto dandoci forza. Una luce per tutti noi, un vaccino per la nostra democrazia». Lo afferma Giovanni Toti, presidente della Regione Liguria e leader di Coraggio Italia. «Grazie per aver citato lo sforzo e il lavoro dei sindaci e dei presidenti delle Regioni. Nostro arduo compito -aggiunge- sarà essere responsabili nello scegliere un successore alla sua altezza. Per i giovani, per tutti noi, per gli italiani e per l'Italia che oggi a gran voce dice: Grazie Presidente».


Ultimo aggiornamento: Venerdì 31 Dicembre 2021, 22:48
© RIPRODUZIONE RISERVATA