Sicurezza, via libera al decreto "bis". Salvini: «Multe fino a 50mila euro per nave che viola divieto ingresso»

Il Consiglio dei ministri ha approvato il decreto legge sicurezza bis. Lo rendono noto fonti di governo. Sul decreto sicurezza bis «c'erano stati degli interventi» già prima delle Europee, «eravamo in dirittura d'arrivo ma eravamo arrivati a ridosso della giornata della competizione elettorale. Io stesso avevo chiesto a Salvini di rinviarlo, in quanto convocare un Cdm due giorni prima delle Europee non mi sembrava opportuno». Lo afferma il premier Giuseppe Conte in conferenza stampa a Palazzo Chigi.

 


«Habemus decretum: è un passo in avanti per la sicurezza». Lo dice il leader della Lega e vicepremier Matteo Salvini in conferenza stampa a Palazzo Chigi. «Sono i diciotto articoli pronti, rivisti e rimeditati da tempo. Tre le finalità: lotta all'immigrazione clandestina (multe da 10mila a 50mila euro per le navi che violano il divieto d'ingresso), al centro anche del comitato per l'ordine e la sicurezza che si è svolto stamattina e registra notevoli passi in avanti; c'è un capitolo cui tengo particolarmente che inasprisce le sanzioni per chi agisce con caschi, bastoni o mazze contro le forze dell'ordine; c'è l'assunzione di 800 uomini e donne di personale amministrativo per gli uffici giudiziari, per 28 milioni di euro, per eseguire le pene dei condannati in via definitiva che sono 12mila solo a Napoli e provincia».

Sui profili di costituzionalità non solo del dl sicurezza bis appena approvato dal cdm, ma anche del primo provvedimento varato dal governo Conte sul tema «siamo assolutamente tranquilli», dice Salvini. Sul provvedimento varato oggi, «lo abbiamo visto e rivisto e in parte migliorato, siamo sicuri del fatto che sia rispettoso di qualunque norme vigente in Italia e all'estero».

Martedì 11 Giugno 2019, 18:28
© RIPRODUZIONE RISERVATA