Sampietrini addio, via i cantieri. Prima via IV Novembre, poi piazza Venezia e via Nazionale
di Lorena Loiacono

Roma, sampietrini addio: via i cantieri. Prima via IV Novembre, poi piazza Venezia e via Nazionale

Con l'anno nuovo Roma si rifà il look. Non un semplice intervento di manutenzione ma una vera e propria rivoluzione per i sampietrini che, da sempre simbolo delle strade della Capitale, verranno tolti da via IV novembre per lasciare spazio all'asfalto ma non del tutto: ne resterà un ricordo sul lato della carreggiata. A metà gennaio, probabilmente dal 15 del mese, partiranno infatti i lavori lungo via IV novembre e, a seguire, anche su piazza Venezia: si tratta di un progetto lanciato un anno fa dalla sindaca Raggi e messo a punto con la collaborazione della Sovrintendenza.
In via IV novembre verranno tolte le tipiche pietre romane e sarà riasfaltata mantenendo però dei richiami del sampietrino sulle cunette laterali, proprio per garantirne il ricordo storico. Alla fine della via verrà realizzata un'isola di spartitraffico per agevolare l'attraversamento dei pedoni, proprio in quel punto a metà tra piazza Santi Apostoli e piazza Venezia dove si formano gruppi di persone in attesa di attraversare la strada. A fine mese inizieranno i lavori anche su piazza Venezia dove, mantenendo il sampietrino, verrà creata una base sottostante che dovrebbe garantire una maggiore resistenza e stabilità del manto stradale al passaggio dei mezzi pubblici.
L'intervento su piazza Venezia si estenderà anche a piazza San Marco e piazza Madonna di Loreto, dove sarà necessario lavorare a sistema con gli interventi di esplorazione del cantiere della Metro C: oggi un tavolo tecnico detterà il cronoprogramma dei lavori. Per il cantiere sono previsti restringimenti della carreggiata e sensi alternati. «Si tratta di un progetto molto grande - spiega l'assessore capitolino alle infrastrutture, Linda Meleo - a cui hanno lavorato molti esperti, con il riposizionamento dei sampietrini da un lato manterremo l'aspetto caratteristico della città e dall'altro penseremo a migliorare la viabilità: andiamo a coniugare un simbolo di Roma, come il sampietrino, alle esigenze di spostamento».
Entro fine anno inoltre si procederà con il rifacimento di via Nazionale da cui verranno tolti i sampietrini che resteranno solo sulle cunette anche per agevolare il deflusso delle acque piovane e arriverà una pista ciclabile.
E nei prossimi mesi verranno progettati nuovi interventi anche per viale Aventino dove spariranno i sampietrini che si sposteranno sull'area pedonale di via del Corso.
riproduzione riservata ®
Ultimo aggiornamento: Martedì 7 Gennaio 2020, 09:15
© RIPRODUZIONE RISERVATA