Rapine col coltello, 21enne romeno preso a Roma: era l'incubo dei pendolari

Il giovane aveva terrorizzato per settimane i passeggeri di bus e tram tra Porta Maggiore, piazzale Appio e Porta Furba

Rapine col coltello, 21enne romeno preso a Roma: era l'incubo dei pendolari

Era diventato l'incubo dei pendolari che si spostavano a Roma su bus e tram. Ora, però, è stato arrestato qualche mese dopo i colpi. Armato di coltello, minacciava e rapinava i passeggeri in attesa alle fermate.

Leggi anche > Roma, incendio in un deposito giudiziario: a fuoco oltre 500 motorini a ridosso del Gra

L'arrestato è un romeno di 21 anni che rapinava, fuori dalle stazioni e alle pensiline di bus e tram, ragazzi e ragazze, meglio ancora se minorenni. Questo il target del giovane rapinatore, che aveva messo a segno diversi colpi tra agosto e settembre dell'anno scorso, nel quadrante compreso tra Porta Maggiore, Porta Furba e piazzale Appio. Le rapine accertate, tentate o riuscite, sono quattro, ma potrebbero essere di più. Il giovane rapinatore si trova ora ai domiciliari.

Il 21enne romeno usava sempre lo stesso modus operandi: sceglieva con cura le vittime, approfittando dei momenti in cui non c'era molta gente nei paraggi. Poi le minacciava con il coltello e si faceva consegnare portafogli, telefoni e gioielli. La polizia ha ascoltato le testimonianze dei giovani rapinati ed è riuscita a individuare il rapinatore grazie ad alcuni segni particolari, a cominciare da un vistoso tatuaggio. Il riconoscimento fotografico del 21enne romeno, effettuato coinvolgendo le vittime delle rapine, è stato l'elemento decisivo per il fermo.


Ultimo aggiornamento: Mercoledì 2 Marzo 2022, 15:19
© RIPRODUZIONE RISERVATA