Roma, addio ai parcheggi di "taglio": i vigili puntano le microcar
di Michela Poi

Roma, addio ai parcheggi di "taglio": i vigili puntano le microcar

Sono l’incubo di ogni guidatore alla ricerca di un parcheggio. Soprattutto a Roma. Ogni volta che sembra esserci un buco libero, ecco che spuntano loro, beffarde: le Smart. Spesso parcheggiate di traverso. 
Da oggi, però, si cambia registro. Al loro risveglio i proprietari hanno trovato una brutta sorpresa sul parabrezza: 41 euro di multa per “posizione non conforme alla segnaletica”. Una regola che il Codice della strada prevede da tempo all’art. 157, ma che i romani spesso dimenticano o deliberatamente ignorano. In effetti la Smart, così piccina, può indurre in tentazione. Sembra fatta apposta per riuscire a stare ovunque, tanto che molti romani l’hanno acquistata proprio per questo. 

Leggi anche> Roma, insegue e tenta di investire un motociclista: «​Se non ti ho ammazzato adesso ci riuscirò domani»

Ma la pazienza di Comune e vigili ha un limite e ora sembra proprio essersi esaurita. La pioggia di contravvenzioni ne è la prova. Le auto devono essere parcheggiate come prescrive la segnaletica - verticale e/o orizzontale - perciò in questo caso parallele al marciapiede. In effetti, se si pensa che la lunghezza di una Smart è 2,70 metri e che la misura di uno stallo di sosta va dai 2,30 ai 2,50 cm, si capisce che una parte della macchina - posteggiata di traverso - sporgerà sempre, creando intralcio ai pedoni e costituendo un serio rischio per automobilisti e motociclisti. La contravvenzione va dai 41 ai 168 Euro. «Parcheggiare la propria auto perpendicolare al marciapiede costituisce un grave pericolo soprattutto per i motociclisti», spiega Gabriele Di Bella, storico dirigente sindacale della Polizia. «Non solo. Se l’auto posteggiata male viene coinvolta in un incidente, si può andare incontro a un concorso in omicidio stradale o lesioni gravi». Vale davvero la pena rischiare così tanto pur di non parcheggiare la macchina nel senso corretto?
Venerdì 18 Ottobre 2019, 06:40
© RIPRODUZIONE RISERVATA