Roma, lega il pitbull al termosifone e lo lascia sommerso da feci. Il cane salvato dalla polizia

Roma, lega il pitbull al termosifone e lo lascia sommerso da feci. Il cane salvato dalla polizia

L'uomo, già noto alle forze dell'ordine, ha tentato di scappare ed è stato denunciato e multato

Aveva lasciato il suo pitbull legato ad un termosifone, con il povero cane che è finito sommerso dalle sue feci e dalla sua urina. Per questo motivo, un 31enne è stato denunciato a Roma.

 

Leggi anche > Allarme aviaria a Ostia. Il direttore Istituto Zooprofilattico Lazio: «Cuocere bene carne e uova»

 

L'uomo, di nazionalità capoverdiana, vive a Torre Angela, in via Agostino Mitelli. Dopo alcune segnalazioni da parte di alcuni condomini per il presunto maltrattamento di un cane, lunedì pomeriggio, i vigili urbani del Casilino e delle Torri sono intervenuti sentendo, già dalla porta dell'appartamento, diversi lamenti. Aperta la porta grazie ai vigili del fuoco, hanno trovato il pitbull in pessime condizioni fisiche, legato a un termosifone con un guinzaglio di circa mezzo metro e sommerso dalle proprie feci e urine.

 

Durante le operazioni di soccorso dell'animale, è tornato a casa l'inquilino dell'appartamento che, alla loro vista, ha tentato di scappare ma, inseguito, è stato bloccato. Lo stesso, 31enne capoverdiano noto alle forze di polizia, è risultato essere sottoposto all'obbligo di firma per stupefacenti. Da ulteriori accertamenti eseguiti dagli operanti, l'uomo è risultato occupare senza alcun titolo l'alloggio e per tale motivo è scattata la denuncia per occupazione abusiva, oltre che per maltrattamenti causati dall'animale.

 

Il 31enne è stato anche sanzionato in quanto il pitbull è risultato privo di microchip e non iscritto all'anagrafe canina. Il cane è stato affidato alle cure alle guardie zoofile e del personale di una ditta autorizzata dalla Asl Roma 2. 


Ultimo aggiornamento: Giovedì 11 Novembre 2021, 14:38
© RIPRODUZIONE RISERVATA