Allarme aviaria a Ostia. Il direttore Istituto Zooprofilattico Lazio: «Cuocere bene carne e uova»

Allarme aviaria a Ostia. Ugo Della Marta, direttore Istituto Zooprofilattico Lazio: «Cuocere bene carne e uova»

di Lorena Loiacono

Ugo della Marta, direttore generale dell’Istituto Zooprofilattico di Lazio e Toscana: l’allevamento di Ostia Antica è stato messo in sicurezza? 
«Gli animali sono stati già tutti abbattuti. Ora vengono monitorate tutte le attività zootecniche del raggio di 3 km e 10 km: fortunatamente sono poche». 

Roma, allarme aviaria a Ostia Antica. Scoperto un focolaio: animali abbattuti, quarantena di 21 giorni. E scatta la paura


Verranno fatte analisi agli animali? 
“I sintomi dell’aviaria arrivano prima della positività, al contrario del Covid, quindi bisogna controllare eventuali morti sospette. Questo virus è ad alta patogenicità, gli animali domestici muoiono velocemente». 


Quelli selvatici? 
«Non si ammalano ma trasmettono il virus agli animali domestici: probabilmente il virus è arrivato da anatre e oche in migrazione». 


Come si fa il tracciamento dell’aviaria? 
«I servizi veterinari della Asl devono capire quali siano state le sorgenti di entrata del virus, un’eventuale movimentazione da altri allevamenti affetti». 


L’essere umano si può infettare? 
«Corrono rischi solo gli allevatori o operatori se toccano l’animale o le sue feci. Ma non ci si ammala mangiando carne e uova». 


Come essere sicuri a tavola? 
«La prima regola è mangiare sempre carne e uova cotte, per scongiurare qualunque contagio».


Ultimo aggiornamento: Giovedì 11 Novembre 2021, 14:38
© RIPRODUZIONE RISERVATA