Regione Lazio, via libera ai tamponi molecolari nei laboratori privati: Altamedica di Roma vince il ricorso al Tar

Regione Lazio, via libera ai tamponi molecolari nei laboratori privati: Altamedica di Roma vince il ricorso al Tar

Via libera ai tamponi molecolari nei laboratori privati. Lo ha deciso il Tar del Lazio che ha accolto il ricorso di Altamedica di Roma, a cui ragione sociale è Artemisia SpA, nei confronti della regione Lazio. Non solo i test antigenici rapidi quindi, ma anche il molecolare che attesta l’eventuale ufficialità della positività al coronavirus. A maggio la Regione aveva deciso che i test molecolari dovevano essere eseguiti solo da uno dei laboratori della rete regionale CoroNet Lazio escludendo di fatto le strutture sanitarie autorizzate all’esercizio come i laboratori analisi specializzati.

«Il divieto per le strutture sanitarie private di eseguire test molecolari contrasta con l’intero impianto del sistema sanitario che è invece fondato sul principio cardine del diritto alla salute declinato mediante la libertà di scelta delle cure e del soggetto che le presta», ha motivato il Tar nella sentenza.


UNITA’ CRISI LAZIO, ‘CHIUSA MANIFESTAZIONE DI INTERESSE PER TAMPONI AI PRIVATI, BUONA ADESIONE’

“Si è chiusa questa sera come preventivato la manifestazione di interesse rivolta ai laboratori privati per garantire a un prezzo calmierato l’esecuzione di tamponi molecolari. Vi è stata una buona adesione ed ora la commissione tecnica, sotto la supervisione dell’Istituto Spallanzani, si metterà subito a lavoro per verificare congruità tecniche, produttive e qualitative oltre alle condizioni economiche”. Lo comunica l’Unità di Crisi COVID-19 della Regione Lazio.

 

 


Ultimo aggiornamento: Mercoledì 28 Ottobre 2020, 16:49
© RIPRODUZIONE RISERVATA