Diana Pifferi, rivelazione sulla mamma della bimba morta di stenti: «Non ha ancora realizzato cosa è successo»

Il legale della donna ha fatto sapere che la sua assistita non ha ancora realizzato cosa sia realmente accaduto, ma dall'esterno arrivano molti messaggi di supporto per la Pifferi

Video

Alessia Pifferi, la mamma che ha lasciato morire la piccola Diana di 18 mesi dopo averla abbandonata sola a Milano, a Ponte Lambro, per sei giorni, mentre era con il suo compagno, non avrebbe ancora realizzato quello che è successo. A dirlo in un’intervista a Il Corriere della Sera è l’avvocata della donna, Solange Marchignoli.

Leggi anche > Piero Angela, attacchi choc dai No Green Pass dopo la morte: «Troppi anni, troppi danni»

 

«Si rende conto che sua figlia non c’è più ma c’è bisogno di altro tempo perché realizzi davvero cosa è successo», ha riferito il suo legale. Pare che la Pifferi però non si sia mai sfogata, però, come ha spiegato il legale: «Ha pianto. Soprattutto le prime volte che ci siamo parlate e ha raccontato la sua storia, ha pianto». Alessia si trova in isolamento, viene controllata a vista e non ha contatti con l'esterno. La mamma ha detto di non voler sapere nulla della figlia, ha solo chiesto di parlare con il compagno che però si è negato e continua a negarsi sostenendo di non essere a conoscenza che la bimba fosse sola a casa.

Il legale della Pifferi fa sapere che la donna è molto sola: «Né la madre, né il compagno vogliono più sentire parlare di lei», ma ha aggiunto che ha ricevuto solidarietà da molte persone che conoscono la sua storia: «Però devo dire che in carcere le sono arrivate lettere di persone a lei sconosciute che vorrebbero aiutarla. Anch’io ricevo ogni giorno lettere di uomini e donne che chiedono cosa poter fare per darle una mano, per poterle comprare dei vestiti, o mandarle del denaro».


Ultimo aggiornamento: Lunedì 15 Agosto 2022, 12:39
© RIPRODUZIONE RISERVATA