Sonia muore di tumore e lascia sull'epigrafe l'iban per far studiare la figlia

Padova, Sonia Campagnolo morta in pochi mesi per tumore: lascia l'iban sull'epigrafe per far studiare la figlia

L'iban sull'epigrafe di Sonia Campagnolo, morta in provincia di Padova, per far studiare la figlia. Il desiderio di vedere la figlia unica laureata in giurisprudenza interrotto dal male che dopo un anno e mezzo ha avuto il sopravvento. Per renderlo possibile, come ultima volontà, ha chiesto di sostenerla nel percorso universitario. “Il tuo fiore sia un’offerta a sostegno di Lisa”, si legge nell’epigrafe che annuncia la scomparsa a 47 anni, di Sonia Campagnolo. E qui è stato inserito l’Iban (IT96E0103062470000001807112, causale “in memoria di Sonia”).

Un codice Iban inserito proprio sull'epigrafe appesa in giro per il paese. Sonia Campagnolo, di Carmignano di Brenta (Padova), era una donna di 47 anni in lotta, da oltre un anno, contro un tumore. Non ce l'ha fatta ma ha voluto come ultimo atto aiutare la figlia, studentessa di 22 anni. Una storia che commuove.

 

 

Le donazioni che verranno ricevute serviranno a finanziare l'Università della ragazza: la laurea in Giurisprudenza, infatti, è il suo sogno, così come quello della mamma. Come riporta l'edizione di Padova de il Gazzettino, tramite l'epigrafe Sonia Campagnolo ha chiesto un aiuto per la sua ragazza: "Il tuo fiore sia un'offerta a sostegno di Lisa", si legge. Ed eccolo l'Iban, che ha come causale "in memoria di Sonia": IT96E0103062470000001807112. Un ultimo gesto per l'amata figlia che un giorno potrà così laurearsi all'università.


Ultimo aggiornamento: Mercoledì 16 Giugno 2021, 16:49
© RIPRODUZIONE RISERVATA