Scuola, Salvini contro Azzolina: «È un disastro. Non manderò mia figlia con la mascherina ​in una classe isolata, senza insegnanti e tutela»

Scuola, Salvini contro Azzolina: «È un disastro. Non manderò mia figlia con la mascherina ​in una classe isolata, senza insegnanti e tutela»

«È un disastro, abbiamo un ministro, la Azzolina, non in grado di gestire le scuole italiane, sono qui non da senatore, ma da genitore, non c'è certezza per studenti, per presidi, per insegnanti, per i nostri figli su come si riparte e quando si riparte». Così Matteo Salvini, parlando davanti al ministero della Pubblica istruzione, a Roma, durante il presidio della Lega, affiancato da numerosi senatori e deputati del partito, che hanno strotolato un enorme striscione con la scritta 'Azzolina bocciatà. «Chi sanifica - accusa - non si sa, quanti alunni per classe non si sa, etc.». «Io - dice il leader della Lega - mi rifiuto di mettere mia figlia di 7 anni a settembre, in una classe buia, con la mascherina, isolata, senza insegnanti e senza tutela. La scuola non è un carcere».

Leggi anche > Scuola di incertezza. Presidi, prof e genitori in rivolta: «Così non si riapre»

 Ancora Salvini: «Mi risulta che questo ministro sia invisa anche a una parte della maggioranza, quindi cambiassero questo ministro, perché è una sciagura». Così Matteo Salvini, parlando davanti al ministero della Pubblica istruzione, a Roma, durante il presidio della Lega.





 
Ultimo aggiornamento: Giovedì 25 Giugno 2020, 13:02
© RIPRODUZIONE RISERVATA