Sale sull'Etna a salvare una persona: morto a 47 anni per un malore

Etna, morto per salvare un escursionista: Salvatore aveva 47 anni

È stato colto da un malore Salvatore Laudani, 47 anni, il tecnico del Corpo nazionale soccorso alpino e speleologico morto mentre era impegnato in una complessa attività di soccorso a quota 2.300 metri, sul versante sud est dell'Etna, nella zona della Valle del Bove. Il Soccorso alpino siciliano era stato attivato con il Soccorso alpino della Guardia di finanza (Sagf) per un escursionista che aveva riportato la frattura di una gamba cadendo all'interno di uno dei canaloni che scendono lungo la valle dalla cresta denominata 'Schiena dell'Asinò, mentre era con alcuni compagni d'escursione.

 

 

La prima squadra, composta da tecnici del Soccorso alpino e militari del Sagf, ha raggiunto l'area di intervento dopo una faticosa risalita a piedi dal versante etneo meridionale, orientandosi con difficoltà nella nebbia e nella bufera. Raggiunto con difficoltà il malcapitato, dopo aver prestato le prime cure e aver caricato l'uomo su una barella a spalla, ha risalito un ripido dislivello di circa 150 metri per riportare il ferito sulla cresta e ha intrapreso le procedure per il trasporto a valle.

 

 

 

Nel frattempo sono giunte sul posto le altre squadre del Soccorso alpino, per aiutare nelle operazioni di trasporto e tentare di raggiungere la strada provinciale 92, che scende dal Rifugio Sapienza.

 

Le condizioni climatiche sono nel frattempo drasticamente peggiorate con forte vento, nebbia e neve, mista a grandine e pioggia. Alcuni dei soccorritori si sono trovati in difficoltà per i gravi sforzi e per la situazione estrema del meteo, aggravata dall'oscurità.

 

Alle 19.30, quando il ferito è stato messo in salvo e affidato ai sanitari del 118, alcune squadre di soccorritori stavano ancora tentando di rientrare procedendo nella bufera. Tra questi c'era Salvatore Laudani che ha accusato un malore tale da impedirgli di proseguire. L'uomo disteso su una barella intorno all'una ha raggiunto la provinciale 92, dove erano in sosta anche le ambulanze medicalizzate. I sanitari non hanno potuto fare altro, però, che constatarne il decesso. «Il Soccorso alpino e speleologico dell'intera Italia - si legge in una nota - è profondamente colpito dal lutto e si stringe intorno alla famiglia di Salvatore Laudani, alla quale esprime il suo cordoglio più profondo».


Ultimo aggiornamento: Lunedì 29 Novembre 2021, 14:46
© RIPRODUZIONE RISERVATA