Mattia, il dolore di mamma e papà: «Speranze finite». Non andranno sul luogo del ritrovamento

Mattia, il dolore di mamma e papà: «Speranze finite». Non andranno sul luogo del ritrovamento

È terminata tragicamente la storia di Mattia Luconi, il bambino di 8 anni disperso dallo scorso 15 settembre, portato via dal fiume in piena nelle Marche, e trovato morto poche ore fa. Entrambi i genitori del piccolo hanno rotto il silenzio con i cronisti e con l'agenzia ANSA, nelle ore più drammatiche in cui le ricerche sono andate avanti per l'ottavo giorno, per poi chiudersi con il drammatico ritrovamento.

«So che trovarlo in vita è impossibile ma almeno voglio una tomba su cui piangere», diceva la mamma di Mattia, Silvia Mereu, ai cronisti nel punto in cui si erano concentrate le ricerche del figlio negli stessi attimi in cui in un'altra zona veniva ritrovato il corpo del piccolo. La donna era arrivata nel punto dove i soccorritori stavano cercando il bambino proprio per chiedere che le ricerche non si interrompessero. «Ormai le speranze sono finite», ha detto invece il papà, Tiziano Luconi. Né il padre né la madre andranno nel luogo in cui è stato trovato il corpo, ha spiegato lo stesso Tiziano.

 

Ultimo aggiornamento: Sabato 24 Settembre 2022, 08:09
© RIPRODUZIONE RISERVATA