Incinta e con le doglie sale sul bus senza biglietto per andare all'ospedale: il controllore la multa e la fa scendere
di Loris Alba

Napoli, donna incinta e con le doglie sale sul bus per andare all'ospedale senza biglietto: il controllore la fa scendere

Stava facendo una passeggiata per passare il tempo e scaricare la grande tensione in attesa del parto imminente. Federica, futura mamma di 28 anni improvvisamente ha però un malore. Le doglie sono arrivate e c'è l'urgenza assoluta di andare in ospedale. Così, nel panico più totale, Federica tira un sospiro di sollievo quando vede arrivare un autobus della linea 604 diretto al Cardarelli.

Genitori in vacanza, lui smura la cassaforte e spende i soldi in escort

Federica sale a bordo e inizia così a fantasticare sul parto imminente. Fin quando non le si presenta davanti un controllore dell'Anm che, incurante del suo stato e non preoccupandosi minimamente delle sue condizioni di salute, la multa e la fa scendere dal mezzo.
Come raccontato da Repubblica, Federica riuscirà a raggiungere il Cardarelli, qualche ora dopo partorirà una bambina e successivamente, con maggiore lucidità, deciderà di fare ricorso contro la multa, cercando di spiegare i motivi che l'hanno portata a non fare il biglietto. Allegherà al ricorso il verbale di pronto soccorso del Cardarelli delle ore 11,48 e la multa delle ore 11,20. Venti minuti di differenza: il tempo di arrivare in ospedale a piedi e quindi il rischio di sentirsi male. 

Nonostante la ricostruzione dell'accaduto però, nulla da fare. La risposta dell'Anm è ben chiara e potrebbe essere stata indirizzata a chiunque: "All'atto del controllo lei si trovava a bordo di un nostro mezzo sprovvista di valido titolo di viaggio". E "le circostanze non possono essere motivo di annullamento del verbale ".

E dunque il conto: una multa di euro 71,10 che rischia di salire a 141,10 a causa del ricorso. Da pagare senza scusanti.


 
Venerdì 16 Agosto 2019, 13:46
© RIPRODUZIONE RISERVATA