I genitori sono no vax, 17enne li porta in tribunale per potersi fare il vaccino contro il Covid

I genitori sono no vax, 17enne li porta in tribunale per potersi fare il vaccino contro il Covid

I genitori sono no vax ma lui vuole vaccinarsi, per questo un ragazzo di 17 anni ha portato in tribunale la mamma e il papà.  Supportato dall’Ami (Associazione Avvocati Matrimonialisti Italiani), ha avviato una causa per potersi vaccinare contro il virus SARS-CoV-2, visto che i genitori gli impedivano di farlo.

 

Leggi anche > Addio mascherina dal 28 giugno, ma non sempre: ecco quando resterà obbligatorio indossarla

 

Secondo quanto riporta La Repubblica, il ragazzo ha spiegato ai suoi compagni di classe e agli insegnanti che i genitori non volevano che si vaccinasse e proprio la scuola ha quindi deciso di aiutare il 17enne. Il ragazzo ritiene di poter essere libero di scegliere e per questo è stato necessario l'intervento di un legale.

 

Il presidente Ami Toscana, Gianni Baldini ha spiegato che le vie da percorrere in questi casi sono due: «La miglior strada sarebbe quella dell’istituto scolastico o di un’altra istituzione vicina al minore, che potrebbe attivare il servizio sociale territoriale affinché avvii un ricorso innanzi al tribunale competente», oppure: «Un’altra modalità potrebbe essere quella di recarsi presso l’Ufficio Interventi Civili della Procura minorile che, in un verbale di ascolto, cristallizza la volontà del minore consentendo alla Procura minorile di chiedere l’apertura di un procedimento presso il Tribunale per i Minorenni».


Ultimo aggiornamento: Martedì 22 Giugno 2021, 14:58
© RIPRODUZIONE RISERVATA